Quell’indomabile «caval berbero»

da L’Osservatore Romano, 27 marzo 2009 Quell’indomabile «caval berbero»Galileo Galilei e il Vaticano Pubblichiamo la prefazione al libro Galileo e il Vaticano, di Mariano Artigas e Melchor Sánchez de Toca (Venezia, Marcianum Press, 2009, pagine 311, euro 22). di Gianfranco Ravasi “Io credo che i filosofi volino come l’aquile, e non come gli storni. È ben vero che quelle, perché son rare, poco si veggono e meno si sentono, e questi, che volano a stormi, dovunque si posano, empiendo il ciel di strida e di rumori, mettono sozzopra il mondo”. Con questa immagine così vivace del suo Saggiatore, il celebre[…]

Read more

Chi orienta la scienza

da L’Osservatore Romano, 28 marzo 2009 Chi orienta la scienza L’apertura del nono Forum del Progetto culturale promosso dalla Chiesa italiana “L’emergenza educativa. Persona, intelligenza, libertà, amore” è il tema del nono Forum del Progetto culturale promosso dalla Chiesa italiana che si svolge a Roma il 27 e il 28 marzo. L’incontro è stato aperto dal cardinale presidente del Comitato del progetto culturale, con una prolusione della quale proponiamo ampi stralci. di Camillo Ruini La parola “emergenza” è stata usata da Benedetto XVI nelle varie occasioni in cui ha incoraggiato la diocesi di Roma a uno speciale impegno nell’ambito dell’educazione,[…]

Read more

Il «tubo ottico» e la nuova faccia della Luna

da L’Osservatore Romano, 27 marzo 2009 Il «tubo ottico» e la nuova faccia della Luna Il grande scienziato pisano e l’immagine dell’universo al telescopio Riportiamo un estratto dal catalogo della mostra “Galileo. Immagini dell’universo dall’antichità al telescopio”, a Palazzo Strozzi di Firenze fino al 30 agosto. di Paolo Galluzzi È estremamente probabile che, nella primavera del 1609, giusto 400 anni fa, strani oggetti formati da un corto tubo di cartone alle cui estremità erano fissate due lenti fossero già offerti in vendita nelle calli di Venezia. Questi curiosi dispositivi, che consentivano di vedere ingranditi persone, edifici e paesaggi in lontananza,[…]

Read more

Quel primo round tra cristianesimo e filosofia

Da L’Osservatore Romano, 25 marzo 2009 Quel primo round tra cristianesimo e filosofia Dal Giubileo Paolino degli universitari di Enrico del Covolo Rivisiteremo anzitutto il celebre discorso di Paolo all’Areopago; svolgeremo poi alcune considerazioni sui rapporti tra la fede e la ragione nella successiva tradizione cristiana dei primi tre secoli; cercheremo infine di sviluppare qualche conclusione perennemente attuale riguardo alla missione evangelizzatrice della Chiesa.Questo complesso itinerario storico-teologico è illuminato dall’Encliclica Fides et Ratio di Giovanni Paolo ii, in particolare dai numeri 36-42 del capitolo iv, nel quale vengono illustrate le tappe più significative dell’incontro tra la fede e la ragione.Il[…]

Read more

Il Big Bang e Darwin? Non possono bastare

Il Nobel Arno Penzias al Festival della Matematica Sono state molte le sorprese nel confronto a due (dal significativo titolo «Meditazioni cosmiche») al Festival della Matematica, tra lo scienziato e un altro grande della fisica, il prof. Nicola Cabibbo, Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze (v. notizia successiva). Oltre a sottolineare come alcune delle teorie fisiche oggi più accreditate non abbiano certezza di fondamento, come la “teoria delle stringhe”, e a parlare delle possibili prospettive dalle ricerche con l’ LCH di Ginevra, il prof. Penzias ha mostrato come la scienza non sia in grado di spiegare l’universo, e quali in[…]

Read more

Per il prof. Nicola Cabibbo “la meccanica quantistica è il campo ideale in cui dialogare con i teologi”

Per il Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze, la scienza non rappresenta la certezza, ma “cerca di adattarsi a ciò che scopre di volta in volta, poggiando le certezze sempre su nuove basi”; lo scienziato quindi “non è chi fornisce le vere risposte, ma chi pone le vere domande: il contrario del teologo”. Questa è forse una delle differenze principali tra scienza e teologia. Nella mancanza di certezza, “quello che per la fede potrebbe essere una voragine, per la scienza è spazio vuoto da esplorare”. Oggi però le teorie della meccanica quantistica hanno aperto nuovi spazi comuni di dialogo e[…]

Read more

Teorie evolutive e Creazione: un nuovo punto di partenza ?

SRM,  12 marzo 2009 Il Convegno STOQ “Evoluzione Biologica. Fatti e Teorie” Il convegno che si è svolto dal 3 al 7 marzo 2009 presso la Pontificia Università Gregoriana, come ha dichiarato nella sua relazione di apertura il presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, Mons. Gianfranco Ravasi, costituisce “un evento particolarmente importante nei rapporti tra scienza e fede”, e rappresenta “una esigenza sempre più ribadita”, quella del confronto e del dialogo tra di esse, “perché nessuno di questi due approcci è di sua natura capace di esaurire la complessità, la vastità di questo orizzonte che è il mistero-Uomo o il[…]

Read more

Galileo, il perspicillum e il messaggio del cielo

da L’Osservatore Romano, 7 marzo 2009 Galileo, il perspicillum e il messaggio del cielo La nuova edizione del «Sidereus nuncius» di Flavia Marcacci * Nell’ambito del Progetto Stoq (Science, Theology and the Ontological Quest) la Pontificia Università Lateranense ha ospitato, nella mattinata di giovedì 26, la presentazione della nuova edizione del Sidereus nuncius di Galileo Galilei, edita dalla Lateran University Press con traduzione e commento di Pietro A. Giustini. Pubblichiamo stralci dell’intervento della curatrice del libro. Sono due mesi – da quando è iniziato il 2009 – che risuona ripetutamente sui media il nome di Galileo Galilei (1564-1642). Motivo:  l’International[…]

Read more

Darwin meglio dei suoi nipotini

Mons. Fiorenzo Facchini su Avvenire Pochi giorni prima del Convegno STOQ “Biological Evolution. Facts and Theories”, mons. Fiorenzo Facchini (che è intervenuto all’evento nella quarta sessione sulle origini dell’uomo, con un intervento su “Approccio Paleoculturale nell’Ominizzazione e Possibili Implicazioni Filosofiche”) ha pubblicato su Avvenire un articolo significativo, con l’obiettivo di analizzare le differenze tra Darwin e coloro che, applicando la sua teorie in modo estensivo, “fanno assumere al darwinismo un carattere totalizzante e per ciò stesso ideologico, non più scientifico”. Se alcuni sostenitori del naturalismo, già spiegavano “la realtà come se si fosse autoformata e autorganizzata, così da rendere superfluo[…]

Read more