NASA: ha trent’anni il più giovane buco nero

La scoperta, realizzata tramite il Chandra X-ray Observatory, il satellite NASA Swift, l’XMM-Newton dell’Agenzia Spaziale Europea e l’osservatorio tedesco ROSAT, è stata annunciata a Washington in una conferenza stampa il 15 novembre scorso.

L’oggetto spaziale è il residuo della supernova SN 1979C, una stella nella galassia M100, che dista approssimativamente 50 milioni di anni luce dal nostro pianeta.

Il responsabile del progetto, Daniel Patnaude dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics di Cambridge Massachusets) ha affermato: “se la nostra interpretazione è giusta, questo è il più vicino esempio dell’osservazione della nascita di un buco nero”.

Leave a Reply