Per Mons. Gianfranco Ravasi la scienza e la religione si muovono su due itinerari paralleli

Mentre nel passato, soprattutto in regimi totalitari avversi al cristianesimo, “si considerava la religione come una sorta di reperto del […] passato culturale” e “si riteneva invece la scienza l’unica espressione”, oggi abbiamo una nuova visione: quella di “due percorsi paralleli: l’itinerario della fede, della teologia, e l’itinerario della scienza. Il primo cerca di trovare il fondamento della realtà, il fondamento profondo, segreto, il senso della realtà; l’altro, invece, cerca di spiegare il fenomeno, la scena, l’evoluzione dei dati, delle realtà che sono nell’interno del mondo e dell’uomo stesso”.

Link SRMSTOQ ProjectRadio Vaticana

Leave a Reply