Programmati geneticamente per essere altruisti ?

Una teoria scientifica (cfr. SRM) già apparsa precedentemente su mezzi di comunicazione e riviste scientifiche, e sostenuta da diversi scienziati e ricercatori.

Lo studio per l’Università di Reading (UK) del prof. Richard Sibly, docente di ecologia comportamentale, e di Robert Curnow, professore emerito di Statistica applicata cerca di mostrare evidenze in questo senso, partendo dall’ipotesi che sia la stessa selezione naturale e rendere gli individui altruisti e collaborativi, piuttosto che egoisti e competitivi.

Vi sarebbero alla base ragioni di maggiori o minori possibilità di sopravvivenza, o di successo o insuccesso nella società di riferimento; I ricercatori avrebbero anche individuato alcune leggi che regolerebbero non solo l’orientamento prevalente degli individui, variabile quindi per tipo di società e per la sua organizzazione e storia sociale del momento, ma determinerebbero anche la diffusione quantitivo-percentuale di individui altruisti e egoisti, in modo da equilibrare le varie componenti sociali, e quindi la società stessa, ponendola il più possibile al riparo da conflitti e tensioni.

Link Le Scienze

Leave a Reply