SRM Newsletter n. 168

29 aprile 2011

Papa Benedetto XVI e la ragionevolezza della creazione: l’uomo, l’universo, e la loro evoluzione, non sono casuali

Il Santo Padre lo ha spiegato nell’omelia per la Veglia pasquale del Sabato Santo; il mondo, nella sua globalità, “è un prodotto della Parola, del Logos” nella sua accezione di ragione, senso, parola. Non è quindi “soltanto ragione, ma Ragione creatrice che parla e che comunica se stessa. È Ragione che è senso e che crea essa stessa senso”. E “il racconto della creazione ci dice, dunque, che il mondo è un prodotto della Ragione creatrice”, e non il frutto di semplici orientamenti casuali o deterministici della materia. Non fu perciò casuale “che nell’universo in espansione, alla fine, in un piccolo angolo qualsiasi del cosmo” venne originata anche “una qualche specie di essere vivente, capace di ragionare e di tentare di trovare nella creazione una ragione o di portarla in essa”.

Al contrario anzi, ipotizzare che “l’uomo fosse soltanto un […] prodotto casuale dell’evoluzione in qualche posto al margine dell’universo” avrebbe come conseguenza logico-filosofica che “la sua vita sarebbe priva di senso o addirittura un disturbo della natura”.

Link SRM (cortesia L’Osservatore Romano) – Zenit

Omelia Papa Benedetto XVI, sito Vaticano

Il Nobel Carlo Rubbia: recuperare la fiducia nella scienza, stimolando il dialogo con la società

Questo uno dei punti fondamentali dell’intervento del prof. Rubbia durante l’inaugurazione dell’Anno Accademico 2010-2011 dell’Università LUMSA di Roma, lo scorso 24 marzo. Rubbia ha toccato alcune delle questioni maggiormente attuali della scienza e della sua dimensione antropologica, in un necessario confronto con la cultura e la società. Oggi le tecnologie sembrano a volte voler dare risposte ad ogni domanda, anche di senso, sull’esistenza umana, e alle scelte sul futuro e sui fini che devono orientarlo, fino al superamento dei suoi limiti.

Per prevenire i rischi di una potenziale disumanizzazione e perdita di senso, ritiene il prof. Rubbia, bisogna “ricostruire la fiducia nella scienza”, e “ristabilire un’apertura e un dialogo sugli argomenti più urgenti che la scienza e la società hanno oggi davanti”.

L’evento è stato introdotto dal giornalista Giovanni Caprara, responsabile della redazione scientifica del Corriere delle Sera e presidente dell’UGIS (Unione Giornalisti Scientifici Italiani).

Link ControCampus

Explaining Religion

Questo il titolo, e sostanzialmente l’obiettivo, del progetto di ricerca interdisciplinare che per tre anni ha coinvolto i ricercatori nel tentativo di capire cosa sia la religione e quali siano le ragioni della sua esistenza.

Forse sarebbe più corretto parlare piuttosto di religioni, e gli studiosi hanno infatti cercato di capire perché si differenzino in tali modi nelle differenti parti del mondo, come nel caso del Cristianesimo e delle sue varie confessioni, della religione ebraica, dell’Islamismo e del Buddhismo, oppure delle religioni indiane.

Ma tra analisi di eventuali spiegazioni del bisogno di religione per finalità sociali e gli studi trasversali tra etnie, estrazioni sociali e culture, sembra che l’obiettivo resti ancora lontano, forse sfuggente anche all’estensione dei campi di studio e dei criteri di analisi e di interpretazione.

Segnaliamo l’articolo dell’Economist che nei giorni scorsi ha pubblicato la notizia e un interessante commento su questa ricerca.

Link The Economist

Staminali riprogrammate: per Angelo Vescovi bene la cautela, ma il futuro è questo

Per il Dott. Angelo Vescovi, ricercatore e direttore scientifico della Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, gli studi tesi a dimostrare i possibili rischi nella sperimentazione sulle IPS (cellule staminali pluripotenti indotte o riprogrammate), non sono una novità, anzi “dicono ciò che già ci sapeva, ossia la differenza con le staminali embrionali ma soprattutto che gli studi necessari per accertarne la totale sicurezza a cui si fa riferimento erano già stati abbondantemente messi in conto da chi ha inventato il metodo”.

Non è quindi sorprendente che si verifichino anomalie anche frequenti del DNA, dal momento che è proprio sul DNA che si interviene per manipolare le cellule e farle regredire allo stadio di pluripotenza. Il punto è come gestire tali instabilità e come giungere a garantirne il loro utilizzo terapeutico senza rischi genetici o di patologie conseguenti.

Per Vescovi, è poi naturale che ogni scoperta all’inizio abbia dei detrattori: non solo per la necessità che essa venga condivisa e approvata dalla comunità scientifica nel suo complesso, ma anche, se non soprattutto, per I tanti interessi politici e economici che sostengono ogni tipo di ricerca, e in particolare nell’ambito delle biotecnologie.

Link La Voce

Libri

Dio non esiste! Gli argomenti del nuovo ateismo

Di Gerhard Lohfink

San Paolo Edizioni, 2010, 126 pagine

Il titolo del libro potrebbe apparentemente trarre in inganno; in realtà l’autore, Gerhard Lohfink, celebre teologo tedesco, non ha l’obiettivo di dimostrare filosoficamente e teologicamente l’inesistenza di Dio.

Al contrario, Lohfink cerca proprio di analizzare le posizioni logico-filosofiche più importanti dell’ateismo moderno, partendo dai suoi principali rappresentanti, da Feuerbach a Nietzsche, da Schopenhauer a Darwin, fino a contemporanei come Richard Dawkins e Hitchens.

Dalla scheda del libro: “Chi ha in mano la risposta migliore ai grandi interrogativi della vita, colui che crede in Gesù Cristo o colui che si rifiuta di aderire a ogni fede in Dio? Per quanti sono rimasti cristiani può essere soltanto un bene questo dover rendere nuovamente conto della propria fede a sé e agli altri. Nei primi secoli della Chiesa ciò veniva ancora considerato un fatto normale. Nel XXI secolo occorre riprendere l’abitudine e farlo in modo nuovo”.

Link San Paolo Edizioni

Eventi recenti

Scienze e fede: un binomio inconciliabile?

Questo il titolo dell’incontro con il prof. Giovanni Palamara che si è svolto il 19 aprile scorso al Planetario Provinciale Pythagoras di Reggio Calabria, nell’ambito del progetto “La cultura è di rottura” (percorso Scientifica-Mente), promosso dal Planetario con la collaborazione dei Licei Scientifici L. da Vinci e A. Volta, dell’Istituto Magistrale T. Gulli e dell’ITC R. Piria.

Link TeleReggioCalabria

Prossimi eventi

Gerberto Magister et Pastor

Da Gerberto a Wojtyla, 1000 anni di scienza e fede. Una prospettiva interdisciplinare: questo il filo conduttore del convegno che si svolgerà il 2 maggio prossimo a Roma presso il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca).

Organizzato da Raffaele Ciambrone (MIUR), Laura C. Paladino (Università di Bologna), Costantino Sigismondi (ICRA, International Center for Relativistic Astrophysics) e Marta Materni (Università di Roma La Sapienza), l’evento vuole presentare la figura e il pensiero di Gerberto d’Aurillac, docente, filosofo e scienziato, divenuto Papa con il nome di Silvestro II (999-1003) e fondatore delle prime diocesi in Polonia, tra cui Cracovia. Proprio a Cracovia un millennio più tardi Karol Wojtyla, un giovane sacerdote, inizierà il proprio percorso di fede e di vocazione, divenendo poi Papa Giovanni Paolo II. È l’apertura al dialogo con il mondo laico, e con la scienza in particolare, l’elemento comune a entrambi i pontefici, la ragione quindi di questo confronto multidisciplinare su due pontificati così lontani nel tempo, ma con così tante analogie.

Collegato all’evento, a Rio de Janeiro, Brasile, il 5 aprile scorso presso il Museu de Astronomia e Ciencias Afins si è svolto il convegno Gerbert d´Aurillac, uma personalidade no seculo X para o seculo XXI nel ciclo di conferenze Museu de Ideias.

Interverranno: prof. Flavio G. Nuvolone (Università di Friburgo, Svizzera); dr.ssaFlora Parisi (Biblioteca Nazionale Centrale, Roma); prof. Laura C. Paladino (Università di Bologna); dr. Pawel Max Maxim (Osservatorio Astronom ico Silvestro II, Bukoviec, Polonia); prof. Cosimo Palagiano (Università di Roma La Sapienza); prof. Paolo Rossi (Università di Pisa); prof. Rossana di Gennaro (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano); prof. Costantino Sigismondi (ICRANet & Sapienza Università di Roma).

Roma 2 maggio 2011, dalle ore 9.00 presso il Salone della Biblioteca di Legislazione Scolastica, MIUR; Ministero dell’Istruzione, viale Trastevere, Roma; ingresso sul retro da Ufficio Relazioni con il Pubblico.

Il corso è valido come aggiornamento professionale per i docenti della scuola italiana

Per informazioni: costantino.sigismondi@gmail.com

Link evento, ICRA

Entanglement, Quantum information and the Quantum – to – classical transition

Conferenza internazionale sulla fisica quantistica, organizzata a Roma dal Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre dell’Accademia Nazionale dei Lincei, dal 5 al 7 maggio prossimi.

Il comitato scientifico è composto da H. Briegele, F. De Martini (chairman), S. Haroche, E. Picasso, mentre costituiscono il comitato organizzativo F. De Martini (chairman), M. Masciangelo (segretariato), F. Sciarrino.

Informazioni: dal 5 al 7 maggio 2011, dalle ore 14.50, presso l’Accademia dall’Accademia Nazionale dei Lincei, a Palazzo Corsini, in via della Lungara 10, Roma.

Link Accademia dei Lincei

Il premio Riccardo Tomassetti per il giornalismo scientifico

Istituito per ricordare Riccardo Tomassetti, giornalista scientifico morto all’età di 39 anni, il premio è un riconoscimento destinato a quattro giovani under 35 che scrivono di scienza, ricerca e medicina.

Quest’anno la scadenza per partecipare è il 31 ottobre 2011, mentre il tema scelto è Informazione e salute Next Generation.

Per informazioni sul premio, www.premiotomassetti.it

Neuroscienze e libero arbitrio: un contrasto reale o solo immaginario

Seminario organizzato dalla Facoltà di Filosofia della Pontificia Università della Santa Croce il 4 maggio prossimo, con la partecipazione del prof. Dario Sacchi, docente presso l’Università del Sacro Cuore di Brescia.

Informazioni:

Mercoledì 4 maggio 2011, ore 11.00, presso l’Aula del Senato Accademico della Pontificia Università della Santa Croce, in piazza Sant’Apollinare, 49, Roma.

Tel. +39-06681641; info@pusc.it

Link sito web www.pusc.it

 

 

Contacts SRM:

pcentofanti@gmail.com

info@srmedia.org

0039-3386284135

skype: paolo.centofanti

www.srmedia.org

www.srmediait.blogspot.com

www.srmedia.blogspot.com

Leave a Reply