Scienza e fede non si contrappongono, ma sostengono il progresso e lo sviluppo dell’umanità

Ne ha parlato Papa Benedetto XVI durante l’udienza per il novantesimo anniversario della fondazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, il 21 maggio scorso a Roma. “La prospettiva cristiana – ha affermato – non si contrappone al sapere scientifico e alle conquiste dell’ingegno umano” ma, “al contrario, la fede allarga l’orizzonte del nostro pensiero, è via alla verità piena, guida di autentico sviluppo”.

Il Pontefice ha anche sottolineato come l’Università Cattolica sia “chiamata ad essere luogo in cui prende forma di eccellenza quell’apertura al sapere, quella passione per la verità, quell’interesse per la storia dell’uomo che caratterizzano l’autentica spiritualità cristiana”. Un luogo in cui non si può separare la fede dalla cultura e dalla scienza, anche se oggi molti vorrebbero “ridurre l’orizzonte umano al livello di ciò che è misurabile” e si cerca di “confinare la religione fuori dagli spazi della razionalità”. Così, vediamo che “nella misura in cui le scienze empiriche monopolizzano i territori della ragione, non sembra esserci più spazio per le ragioni del credere” e “la dimensione religiosa viene relegata nella sfera dell’opinabile e del privato”.

Link SRMSito Vaticano

Leave a Reply