SRM Newsletter n. 180

 

24 luglio 2011

 

Il cosmologo John D. Barrow: ecco quanto è importante la matematica

Lo scienziato britannico, Premio Templeton 2006, ne ha parlato in un’intervista per l’Unità, nei giorni in cui era a Roma per ritirare il premio letterario Merck Serono per il suo libro Le immagini della scienza.

Barrow, che è stato direttore del Millennium Mathematics Project, sviluppato proprio per l’insegnamento e la divulgazione della matematica, spiega come per lui questa disciplina sia una sorta di “catalogo di tutti gli schemi possibili”; schemi che “si trovano ovunque. Lo sport, l’arte, l’economia sono costruite intorno a schemi che possono essere geometrici, temporali o di ragionamento”.

Ecco quindi che la matematica permette proprio di “descrivere questi schemi” e un “approccio così sistematico ci può mostrare realtà del mondo che altrimenti non avremmo potuto vedere”, soprattutto nella realtà attuale, in cui “le nuove tecnologie offrono enormi opportunità”.

Quanto al rischio che le scienze naturali possano prendere in un certo senso il sopravvento, anche per ragioni pratiche e occupazionali, a scapito dei saperi umanistici, il cosmologo ha affermato che in realtà questa è una problematica più tipica dell’asia e di paesi emergenti, perché in realtà in occidente e in europa i giovani continuano a prediligere studi umanistici, anche a prescindere dalle possibili prospettive di lavoro future.

Link SRM

L’esplorazione dello spazio, tra anniversari dello sbarco sulla Luna, radiotelescopi, e la pensione dello Shuttle

Mentre il 20 luglio si celebrano 42 anni dall’allunaggio della missione Apollo 11, e dalla passeggiata sul nostro satellite degli astronauti Neil Armstrong e Buzz Aldrin (Michael Collins rimase nel modulo Columbia per il successivo rientro a Terra), il giorno dopo, il 21 luglio, viene celebrato l’ufficiale pensionamento del Progetto Shuttle, con la conclusione dell’ultima missione della navetta Atlantis, come di consueto rientrata sul nostro pianeta con un volo planato sulla pista del Kennedy Space Center, in Florida, dopo essersi staccata dalla Stazione Spaziale Internazionale, ISS, alla quale era attraccata.

Eventi importanti, significativi, che indicano l’inizio di un’era, nelle missioni spaziali, e la fine di quella successiva, in attesa dei nuovi progetto, probabilmente affidati a privati, per la conquista dello spazio e la prossima colonizzazione della luna.

Mentre pochi giorni prima, il 18 luglio 2011, è stato lanciato con un razzo RadioAstron il più grande radio-telescopio spaziale (v. notizia successiva e articolo SRM).

Link SRM immagine: cortesia NASA/Bill Ingalls

RadioAstron, il più grande radio-telescopio spaziale.

Ha già lasciato l’orbita terrestre, in viaggio verso la luna, RadioAstron, il radiotelescopio russo con una parabola del diametro di oltre dieci metri, realizzato anche con progetti e componenti europei e italiani, partito il 18 luglio scorso dal centro spaziale di Baikonur, in Kazakistan a bordo di un missile Zenit3M-FregatSB.

Un progetto diretto dall’Astro Space Center dell’Istituto di Fisica Lebedev dell’Accademia Russa delle Scienze, al quale collaborano vari istituti e ricercatori internazionali, e che vede la partecipazione anche dell’Istituto Nazionale di Astro-Fisica – INAF, tramite l’Istituto di Radioastronomia di Bologna.

Oltre ad avere contribuito alla sua realizzazione, l’INAF parteciperà alle attività di studio e analisi dei dati che lo strumento, denominato anche Spectrum-R, trasmetterà a terra.

Link SRM

 

 

Galileo, la scienza e la fede

Pubblichiamo un cortese contributo sul grande scienziato toscano del prof. Costantino Sigismondi, astrofisico presso l’Università La Sapienza e docente per il Master in Scienza e Fede. Galileo Galilei fu uno scienziato davvero geniale, spiega Sigismondi: “fu il primo a usare un telescopio come strumento di indagine scientifica, potenziando di almeno 20 volte la precisione delle osservazioni ad occhio nudo”; certamente altri studiosi “in Europa avevano osservato già dei corpi celesti, ma Galileo fu il primo a capire che l’astronomia non sarebbe stata più la stessa, e pubblicando il Sidereus Nuncius nel 1610 annunciò al mondo che attorno a Giove giravano 4 stelle, e che quindi la Terra non era l’unico centro possibile di moti orbitali”. Una prova che per Galileo “poteva sostenere l’ipotesi Eliocentrica proposta dal canonico polacco Nicola Copernico nel 1543”. L’astrofisico parla anche del caso Galileo, della Commissione Ecclesiastica incaricata a fine degli anni ’90 di indagare su tali vicende, e della sua presunta persecuzione da parte della Chiesa Cattolica, la quale anzi gli evitò le pene peggiori, commutandole in uno pseudoesilio nella villa Il Gioiello di Arcetri. Link articolo, SRM

 

 

Hubble scopre una nuova luna di Plutone

Sembrava prossimo allo smantellamento, pochi anni fa, ma grazie anche a un progetto della NASA per ripararlo e rilanciarne l’utilizzo, il telescopio spaziale Hubble continuerà per molto a mostrarci nuove sorprese e scoperte, nel nostro sistema solare e oltre.

Questa volta, con la sua nuova Wide Field Camera il 28 giugno scorso ha individuato una nuova luna, la quarta, orbitante intorno al pianeta Plutone. Denominata tecnicamente P4, si aggiunge alle già conosciute Caronte, Idra e Notte, rispetto alle quali ha sicuramente le dimensioni minori in assoluto, con un diametro stimato tra 13 e 34 chilometri.

Maggiori informazioni arriveranno poi dalla sonda della NASA New Horizons, che arriverà fino a Plutone e ai limiti del Sistema Solare.

Link SRM immagine: cortesia NASA

Libri

 

The Nature of Nature: Examining the Role of Naturalism in Science

Il volume raccoglie gli interventi del famoso e discusso convegno Nature of Nature, sulla dottrina filosofica della natura meglio nota come Naturalismo, che era stato organizzato nel 2000 dal Michael Polanyi Center, il centro di ricerca sull’Intelligent Design fondato nel 1999 presso la Baylor University.

Proprio dal 2000, però il centro aveva molto ridotto le attività, fino ad arrivare alla chiusura definitiva nel 2003.

Curato da William A. Dembski e Bruce L. Gordon, tra i più noti alfieri dell’Intelligent Design, il libro contiene testi sia di noti accademici e studiosi, divisi tra sostenitori e oppositori del Naturalismo, sia di esperti non accademici. Può essere sicuramente interessante per avere una idea sia della questione in sé, sia come documentazione, anche storica, di alcune delle posizioni più diffuse proprio nell’ambito delle teorie dell’Intelligent Design, che in quel periodo, e negli anni immediatamente successivi, aveva una grande attenzione e diffusione in ambiti culturali, educativi, e tra i media (cfr. SRM n. 18, n. 76).

Segnaliamo un articolo (in inglese) da The Christian Chronicle, da cui abbiamo in parte ripreso le informazioni su questo titolo.

Link SRM fonte: Christian Chronicle

Eventi recenti

 

La Sindone e l’orma dei Templari

Sono stati Giulio Fanti, professore associato di Misure Meccaniche e Termiche presso l’università di Padova e lo storico Domenico La Porta, i protagonisti di questo convegno svoltosi il 9 luglio scorso a Petrella Tifernina, nella Chiesa di San Giorgio Martire.

Oltre alla questione della formazione dell’immagine nella Sindone, per la quale il prof. Fanti ha sottolineato che “oggi la scienza non è ancora riuscita a riprodurre in laboratorio un fenomeno simile”, portando anche ad ipotizzare che “il lenzuolo fosse stato esposto ad un bombardamento di energia”, è stato dibattuto anche l’argomento dei presunti colegamenti tra il Sacro Lenzuolo e i Cavalieri Templari, lanciando anche l’ipotesi che possano aver portato la Sindone nella cittadina, per proteggerla

Link SRM

Prossimi eventi

 

Meeting di Rimini: E l’esistenza diventa una immensa certezza

Dal 21 al 27 agosto 2011 torna l’annuale appuntamento estivo con il Meeting di Rimini, quest’anno sul tema E l’esistenza diventa una immensa certezza.

Numerosi come sempre gli eventi, gli incontri le mostre e i personaggi proposti ai visitatori e ai mezzi di comunicazione, con dibattiti e confronti sui temi fondamentali dell’essere umani e essere cristiani.

Tra le iniziative su argomenti relativi al rapporto tra scienza e fede, anticipiamo e segnaliamo le mostre «Cor ad Cor loquitur». La certezza di Newman, coscienza e realtà, e Atomo: indivisibile? Domande e certezze nella scienza.

Link SRM

 

Contacts SRM:

pcentofanti@gmail.com

info@srmedia.org

0039-3386284135

skype: paolo.centofanti

www.srmedia.org

www.srmediait.blogspot.com

www.srmedia.blogspot.com

Leave a Reply