Sindone, un mistero che sfida la scienza

Un evento di due giorni sul Sacro Telo a Sassari, con la partecipazione di Giulio Fanti, sindonologo, professore associato di Misure Meccaniche e Termiche presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Padova, autore di numerosi studi scientifici sulla Sindone e di un recente libro scritto con il giornalista Saverio Gaeta, dal titolo Il mistero della Sindone. Le sorprendenti scoperte scientifiche sull’enigma del telo di Gesù, pubblicato nel marzo di quest’anno da Rizzoli nella collana Saggi; un excursus sulla storia del Sacro Lenzuolo, dalle prime notizie storicamente documentate ad oggi; e sugli studi scientifici finora realizzati, come le prime fotografie, le ricerche dello Sturp e le analisi al radiocarbonio negli anni ’70, le più recenti teorie e scoperte in ambiti chimici, botanici, di anatomo-patologia.
Il primo dei due incontri si è svolto la sera di venerdi 1 novembre, presso la parrocchia di S. Maria di Pisa; Fanti, tra i maggiori esperti anche sulle possibili ipotesi di formazione dell’immagine sindonica, e autore di un recente studio che ipotizza elevatissime energie come sole sue possibili spiegazioni, ha tenuto una relazione sul tema Sindone, la scienza spiega la fede, lasciando poi spazio al dibattito con altri esperti e con il pubblico sulle varie questioni ancora irrisolte, tra cui la possibile autenticità e le cause che potrebbero aver originato l’immagine che ancora oggi possiamo osservare.
La Chiesa non si è ancora espressa definitivamente sulla Sindone, che ancora oggi è la più famosa e discussa icona della cristianità, e per molti è vera testimonianza della passione, morte e resurrezione di Cristo; sull’argomento si è espresso Fanti nel dibattito, rispondendo ad una domanda del pubblico e spiegando che la parola corretta per definirla sarebbe reliquia, come la definì il Pontefice emerito Benedetto XVI, e spiegando che semmai si dovrebbe parlare di “icona insanguinata”, prova visibile del martirio di un uomo.
Il programma è continuato poi nella serata di sabato 2 novembre, con l’evento Sindone, un mistero che sfida la scienza; un nuovo dibattito, insieme alle riflessioni finali, hanno concluso le due giornate di incontri.

Leave a Reply