Scienza e coscienza nella filosofia del XX secolo

Un programma di quattro incontri alla Casa della Conoscenza di Casalecchio di Reno, in provincia di Bologna, sul tema Scienza e coscienza nella filosofia del XX secolo, con i filosofi Michele Gardini e Alberto Gualandi, docenti del Liceo Leonardo da Vinci. Gardini si è occupato soprattutto di estetica, fenomenologia e filosofia dell’esistenza, scrivendo anche diversi saggi su filosofi come Derrida e Heidegger. Gualandi ha scritto testi sul rapporto tra filosofia, scienza e psichiatria, e sulle problematiche connesse alla natura umana. I due docenti si alterneranno in quattro eventi mensili che introducono alle interpretazioni di altrettanti testi di filosofi tedeschi, a partire da mercoledì 1 dicembre, fino a marzo del prossimo anno.

Nel primo incontro Gualandi ha affrontato il volume L’uomo nell’era della tecnica, del 1956, in cui l’autore Arnold Gehlen analizza la scienza nella sua dimensione sociale, storica e antropologica. Nel secondo evento, giovedì 22 gennaio, Gardini affronterà invece il testo La questione della tecnica, del 1953, di Martin Heidegger. Mercoledì 25 febbraio sarà invece la volta di La coscienza al bando; il libro, pubblicato nel 1961 dal filosofo tedesco Günther Anders, sarà analizzato da Gualandi. Il ciclo si concluderà martedì 31 marzo: Gardini affronterà un testo fondamentale per la filosofia e la politica del novecento: Le origini del totalitarismo, 1951, il famoso e inzialmente controverso volume di Hannah Arendt, in cui la filosofa tedesca naturalizzata americana espone le proprie tesi sulle origini sociali e politiche del nazismo e dello stalinismo, e sul loro legame con l’antisemitismo.

Leave a Reply