Il fantasma dell’universo. Che cos’è il Neutrino

il fantasma delluniverso che cosa è il neutrino lucia votanoCosa sono i neutrini e quale è la loro importanza per comprendere l’universo che ci circonda ? Come vengono individuati e studiati ? Ne parla un libro divulgativo: Il fantasma dell’universo. Che cos’è il Neutrino, scritto da Lucia Votano, ricercatrice e direttore dal 2009 al 2012 dei Laboratori Nazionali di Fisica Nucleare del Gran Sasso, INFN – LNGS, uno dei quattro laboratori dell’Istituto nazionale di fisica nucleare – INFN.

Nata a Villa San Giovanni, in provincia di Reggio Calabria, Votano si è laureata in fisica nel 1971 all’Università di Roma La Sapienza di Roma; ha iniziato la sua attività di ricerca nel 1976 ai Laboratori Nazionali di Frascati, per lavorare poi anche al CERN e al laboratorio DESY di Amburgo, Germania. È stata la prima e finora unica donna a dirigere i laboratori del Gran Sasso, la più grande struttura sotterranea di ricerca.

Nel volume, pubblicato da Carrocci Editore nel 2015 per la collana Città della scienza, ISBN 9788843075188, il racconto parte “ben prima della luce, a un decimillesimo di secondo dal Big Bang”, quando “i neutrini sono apparsi nell’universo; dopo un secondo il brodo primordiale si era raffreddato abbastanza da consentire loro di muoversi liberi e ancora oggi, dopo quasi quattordici miliardi di anni, sono numerosissimi”.

Cosa sono in realtà queste particelle ? Perché sono così importanti da richiedere ingenti investimenti per esperimenti spesso colossali che coinvolgono centinaia di scienziati ? Come si legge nella presentazione del libro, che spiega anche il titolo, i neutrini sono “elusivi come fantasmi, camaleontici, viaggiano indenni attraverso la materia arrivando dritti sino a noi dagli angoli più remoti e nascosti dell’universo”. Per spiegarcene la realtà, Lucia Votano affronta un viaggio letterario che porta virtualmente i lettori nei più importanti esperimenti e centri di ricerca, tra “i fisici che li studiano in laboratori sotterranei o in luoghi estremi come i ghiacciai polari o le profondità marine”.

Leave a Reply