CERN, scoperta nuova classe di particelle: i pentaquarks

cern pentaquarks

Il CERN di Ginevra ha annunciato di avere individuato, tramite l’LHC – Large Hadron Collider, una nuova particella subatomica, denominata pentaquark perché costituita appunto da 5 quark, cinque particelle fondamentali della materia. La scoperta è stata anticipata questa settimana sul sito open access arXiv.org, e sarà pubblicata sulla rivista scientifica di settore Physical Review Letters.

I ricercatori dell’esperimento LHCB, guidati da Tomasz Skwarnicki, della Syracuse University – USA, hanno così ottenuto nuove importanti informazioni sulla struttura fisica della materia. Lhcb, a cui collabora anche l’INFN – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, è uno dei principali esperimenti sulla materia attualmente in corso al Cern sull’Lhc, il più grande acceleratore di particelle al mondo; è diretto dal fisico italiano Alessandro Cardini, che ha spiegato come i pentaquark ci mostrino come gli elementi fondamentali della materia “possono combinarsi tra loro, in uno schema mai osservato prima in oltre 50 anni di ricerche”.

Anche il fisico Luciano Maiani ha commentato la scoperta, spiegando la speranza, per gli scienziati, “di trovare, nei pentaquark, quella pistola fumante che convinca anche gli scettici dell’esistenza di una nuova serie di particelle subnucleari, che ci daranno informazioni cruciali sulle, ancora misteriose, interazioni forti”. I ricercatori stanno infatti concentrando gli studi anche sulla cosiddetta forza forte, che tiene insieme le particelle dei nuclei atomici.

Fonte e immagine: CERN

Leave a Reply