Jerry Fodor, il cognitivista che criticava Darwin

Jerry Fodor, fonte WIkipedia

Scienziato cognitivo e filosofo del linguaggio, il teorico della modularità della mente è morto il 29 novembre del 2017 a Manhattan, Stati Uniti. Era nato a New York il 22 aprile del 1935. Docente di scienze cognitive e filosofia del linguaggio alla Rutgers University, New Jersey, con Massimo Piattelli Palmarini ha scritto nel 2011 il saggio Gli Errori di Darwin, molto discusso in ambienti scientifici per le critiche formulate al modello evolutivo di Charles Darwin, e soprattutto per l’ipotesi che mettesse in discussione l’evoluzione.

Jerry Fodor è considerato il più importante esponente del funzionalismo nell’ambito della filosofia della mente. Tra i suoi libri più conosciuti The Language of Thought del 1975, in cui illustra la propria teoria teoria computazionale e rappresentazione della mente, considerata la più importante formulazione della teoria funzionalista dopo quella strutturata da Hilary Putnam.

Nel volume The Modularity of Mind: An Essay on Faculty Psychology, MIT Press, 1983, teorizza invece la modularità della mente – da allora definita anche modularità alla Fodor – e del linguaggio del pensiero. In questo modello, il linguaggio sarebbe innato, mentre l’apprendimento sarebbe una conferma di ipotesi. Il volume è stato pubblicato in Italia da Il Mulino nel 1988, con il titolo La mente modulare. Saggio di psicologia delle facoltà.

Leave a Reply