Papa Francesco: il presunto dossier di Viganò si commenta da solo

Così Papa Francesco ha liquidato il dossier – a quanto pare strumentale – di Carlo Maria Viganò, che chiedeva le dimissioni del Pontefice.

Il Santo Padre ha commentato nel volo di ritorno dall’Irlanda l’attacco dell’ex nunzio apostolico negli Stati Uniti. Viganò sosterrebbe che Papa Francesco avrebbe coperto religiosi pedofili, tra cui Theodore McCarrick. In realtà non vi sono prove delle affermazioni di Viganò, e proprio Papa Francesco aveva sanzionato duramente e ridotto allo stato laicale McCarrick, accusato di molestie sessuali e di aver avuto rapporti omosessuali con minori.

Il presunto dossier di Viganò, che a quanto pare sperava di essere nominato Presidente del Governatorato Vaticano con la nomina a cardinale, ad un primo esame si mostra come una trappola mediatica. Mostrando parzialità, inesattezze, e strumentalità. Papa Francesco, rispondendo ad una domanda della giornalista Anna Matranga della CBS, lo ha sinteticamente commentato come una fake news. Tra le presunte accuse, Viganò afferma di aver avuto con il Pontefice un colloquio nel 2013, e di avergli esposto il caso McCarrick. Affermazione che non sembra confermata. Inoltre, come dicevamo, proprio Papa Francesco ha sanzionato e costretto alle dimissioni McCarrick.

Il Santo Padre ha spiegato di aver letto la mattina stessa il comunicato, e ha così risposto alla domanda: “leggete voi, attentamente, il comunicato e fate voi il vostro giudizio. Io non dirò una parola su questo”. Per Papa Francesco infatti “il comunicato parla da sé stesso”. Il Santo Padre è fiducioso che i reporter che si occupano di questa presunta vicenda abbiano “la capacità giornalistica sufficiente per trarre le conclusioni”. Papa Francesco ha anche confermato che “quando sarà passato un po’ di tempo” e i giornalisti avranno  “tratto le conclusioni” forse parlerà del caso. E ha concluso la domanda affermando: “vorrei che la vostra maturità professionale faccia questo lavoro: vi farà bene, davvero”.

Link conferenza stampa, sito Vaticano

Leave a Reply