Intelligenza artificiale e robot umanoidi E-mail
Scritto da Paolo Centofanti, direttore SRM   
Domenica 15 Gennaio 2017 01:11

icubLo sviluppo di una robotica sempre più simile all'uomo, in grado di capire e aiutare meglio gli esseri umani, ma anche di entrare pericolosamente in competizione con loro, pone questioni che, oltre alla scienza e la tecnologia, interrogano anche la filosofia, l'economia, le scienze sociali, l'etica. Definendo quello che sarà il nostro prossimo futuro da molti punti di vista. Se ne parla lunedì 26 gennaio 2017 a Brescia,  in un seminario promosso dall'Accademia Nazionale dei Lincei e dal Centro Linceo interdisciplinare Beniamino Segre, con il titolo La scienza nuova: intelligenza artificiale e robotica umanoide.

Organizzato nell'ambito delle Lezioni Lincee sulla Scienza, questo nuovo evento formativo linceo vede la collaborazione del Collegio universitario Luigi Lucchini, che lo ospita nell'Auditorium in via Valotti, e della Fondazione Grazioli. Indirizzato come di consueto a studenti e docenti delle scuole superiori e universitari, il seminario, si legge nella presentazione ufficiale, vuole offrire loro "un avvicinamento al tema dell’intelligenza artificiale e della robotica umanoide da diversi punti di vista: tecnologico, cognitivo, economico, sociale".

Saranno presentati anche interessanti video dell'innovativo progetto ICub, il robot androide sviluppato da un gruppo di ricercatori dell’IIT - Istituto Italiano di Tecnologia, con sede centrale a Genova e centri e laboratori sparsi per l'Italia e gli Stati Uniti. A dirigere il progetto ICub, tecnicamente definita come piattaforma robotica cognitiva umanoide,  è il professor Giorgio Metta, vicedirettore dell'IIT. Metta interverrà al seminario e spiegherà le caratteristiche e le potenzialità dell'androide e della robotica umanoide; dialogherà con Giancarlo Provasi, docente di Sociologia dell’innovazione all'università di Brescia.

 

Ultime notizie

JoomlaStats Activation

SRM - Science and Religion in Media

Giornale on line iscritto nel registro della stampa del tribunale di Roma, n.100/2011, 4 aprile 2011

Direttore: Paolo Centofanti

ISSN: 2239-4273

Chiarimenti SRM

Paolo Centofanti, nell'ambito dei suoi interessi socio culturali, in qualità di giornalista pubblicista e manager no profit, è attualmente direttore di SRM.
E' quindi opportuno chiarire che, pur lavorando Paolo Centofanti in Sky Italia, il Progetto SRM - Science and Religion in Media non ha alcun legame né relazione con la società, né con suoi dipendenti, dirigenti o collaboratori interni o esterni: è frutto solo dell'attività culturale e della passione del sottoscritto e di coloro i quali vi collaborano a titolo gratuito o con partnership sempre a carattere socio culturale; altri partner sono visibili come riferimenti nel sito del giornale, www.srmedia.infolink, o nella newsletter.
Nel caso in cui doveste riscontrare sul web o altrove articoli, pagine, informazioni o altro che potessero far pensare diversamente, cortesemente segnalate a pcentofanti@gmail.com o direttore@srmedia.org.