La Sindone: quale cammino storico e geografico ? E-mail
Scritto da Redazione SRM   
Venerdì 17 Febbraio 2017 08:51

sindone vernetUn volumetto pubblicato nel 2017, prova ad affrontare nuovamente le note questioni connesse ad alcuni presunti percorsi storici e geografici della Sindone, dal I secolo dopo Cristo, da Gerusalemme fino all'arrivo nel Duomo di Torino, transitando potenzialmente anche per Edessa e Constantinopoli. In 154 pagine, il sacerdote salesiano Joan Maria Vernet, porta avanti argomenti e riflessioni teologiche e storiche, partendo dal Nuovo Testamento, dalla cultura del tempo e dal territorio naturale, riproponendo ipotesi decisamente a favore dell'autenticità del Sacro Telo.

Una questione su cui la Chiesa Cattolica non si è ancora espressa definitivamente, definendo comunque attualmente la Sindone come una icona, anziché come una reliquia riconosciuta. Una icona che comunque suscita grande fede e emozioni in credenti e non. Con il titolo Sindone. Itinerario geografico e storico, ISBN 978821312663, il volume è stato pubblicato nel 2017 nella collana Saggi e proposte da LAS Editrice, che cura le pubblicazioni della Pontificia Università Salesiana. Nato in Catalogna, Vernet ha studiato a Barcellona, Roma e Gerusalemme, e si è laureato in teologia con una tesi dottorale sul vangelo di San Giovanni. Da 30 anni vive e insegna a Gerusalemme presso lo Studentato Teologico Salesiano di Ratisbonne.

 

Ultime notizie

JoomlaStats Activation

SRM - Science and Religion in Media

Giornale on line iscritto nel registro della stampa del tribunale di Roma, n.100/2011, 4 aprile 2011

Direttore: Paolo Centofanti

ISSN: 2239-4273

Chiarimenti SRM

Paolo Centofanti, nell'ambito dei suoi interessi socio culturali, in qualità di giornalista pubblicista e manager no profit, è attualmente direttore di SRM.
E' quindi opportuno chiarire che, pur lavorando Paolo Centofanti in Sky Italia, il Progetto SRM - Science and Religion in Media non ha alcun legame né relazione con la società, né con suoi dipendenti, dirigenti o collaboratori interni o esterni: è frutto solo dell'attività culturale e della passione del sottoscritto e di coloro i quali vi collaborano a titolo gratuito o con partnership sempre a carattere socio culturale; altri partner sono visibili come riferimenti nel sito del giornale, www.srmedia.infolink, o nella newsletter.
Nel caso in cui doveste riscontrare sul web o altrove articoli, pagine, informazioni o altro che potessero far pensare diversamente, cortesemente segnalate a pcentofanti@gmail.com o direttore@srmedia.org.