Giornata Mondiale dell'Acqua: eliminare l'inquinamento E-mail
Scritto da Redazione SRM   
Martedì 21 Febbraio 2017 12:51

world water day 2017Manca poco più di un mese al World Water Day 2017, il 22 marzo 2017. L'evento quest'anno è dedicato al problema delle acque reflue che, soprattutto a causa di attività commerciali e industrie, contaminano spesso l'ambiente naturale, senza essere depurate e che gli elementi inquinanti vengano eliminati. La Giornata Mondiale dell'Acqua è stato istituita nel 1991 dalle Nazioni Unite. Un evento ricorrente ogni anno, per promuovere la difesa di questa preziosa risorsa naturale, elemento necessario alla vita in ogni sua forma, e alla nostra salute.

Purtroppo in questo secolo, circa un miliardo di persone non ha la possibilità di avere acqua pulita. Una situazione drammatica, che rende necessario riconsiderare il modo in cui oggi usiamo e sprechiamo l'acqua. Riducendo ad esempio e riutilizzando proprio le acque reflue, che possono e devono essere trattate adeguatamente per l'agricoltura. Allo stesso tempo, in una logica di sviluppo sostenibile, nell'industria e nell'agricoltura è possibile utilizzare sistemi per riciclare queste acque, ad esempio per sistemi di raffreddamento e per irrigare i campi.

Per queste ragioni nel 1997 è stato creato il World Water Council, il Consiglio mondiale sull'acqua, che ogni tre anni nella settimana della Giornata mondiale dell'acqua organizza anche il World Water ForumLa Giornata Mondiale dell'Acqua coinvolge ogni anno in tutto il mondo con numerose iniziative organizzazioni governative, istituzioni scientifiche, accademiche e culturali, ONG - organizzazioni non governative.

 

JoomlaStats Activation

SRM - Science and Religion in Media

Giornale on line iscritto nel registro della stampa del tribunale di Roma, n.100/2011, 4 aprile 2011

Direttore: Paolo Centofanti

ISSN: 2239-4273

Chiarimenti SRM

Paolo Centofanti, nell'ambito dei suoi interessi socio culturali, in qualità di giornalista pubblicista e manager no profit, è attualmente direttore di SRM.
E' quindi opportuno chiarire che, pur lavorando Paolo Centofanti in Sky Italia, il Progetto SRM - Science and Religion in Media non ha alcun legame né relazione con la società, né con suoi dipendenti, dirigenti o collaboratori interni o esterni: è frutto solo dell'attività culturale e della passione del sottoscritto e di coloro i quali vi collaborano a titolo gratuito o con partnership sempre a carattere socio culturale; altri partner sono visibili come riferimenti nel sito del giornale, www.srmedia.infolink, o nella newsletter.
Nel caso in cui doveste riscontrare sul web o altrove articoli, pagine, informazioni o altro che potessero far pensare diversamente, cortesemente segnalate a pcentofanti@gmail.com o direttore@srmedia.org.