Come è nata la scienza E-mail
Scritto da Redazione SRM   
Domenica 26 Febbraio 2017 12:15

wootton la scintilla della creazioneUn ponderoso volume di 872 pagine per conoscere la storia della speculazione e della ricerca scientifica, e capire come siamo arrivati, in cinquecento anni di storia umana, allo sviluppo della scienza moderna, attraverso ipotesi, scoperte cercate o fortuite, grandi scienziati, precursori come Copernico e Newton. Ce lo racconta David Wootton, in questo La scintilla della creazione. Come le invenzioni dell'uomo hanno trasformato il mondo, traduzione italiana dell'originale The Invention of Science: A New History of the Scientific Revolution, pubblicato nel 2015.

Quella scientifica per Wootton è la rivoluzione più importante che ci siamo trovati ad affrontare finora, progredita per secoli coinvolgendo sei continenti, visto che l'uomo si è spinto ad esplorare e studiare anche l'Antartide. Una rivoluzione che ci ha portato la scoperta dell'America, a grandi progressi nell'arte, nell'architettura e nell'ingegneria; che ha permesso all'uomo di capire come usare le fonti energetiche, produrre macchinari che gli hanno consentito di estendere i propri limiti per produrre o viaggiare, fino a consentirgli di volare nello spazio e arrivare a camminare sulla Luna.

Una rivoluzione che ci ha portato ad una conoscenza profonda, anche se tutt'altro che completa, della nostra biologia e del nostro cervello. Allo stesso tempo, ha cambiato le nostre vite quotidiane, il nostro modo di muoverci nelle incombenze di ogni giorno, la nostra salute e la nostra alimentazione, la nostra comprensione del mondo e dell'universo in cui viviamo, anche grazie ad progressivo sempre maggiore accesso alle informazioni, fino ad arrivare all'attuale mondo globale e iperconnesso.

Nel volume, curato in Italia da Il Saggiatore, ISBN 9788842822936, troviamo così raccontata ad esempio la scoperta della stampa a caratteri mobili; quella di nuovi paese e continenti, come la citata America; quella della prospettiva pittorica. Di strumenti come l’orologio, che ci ha permesso di misurare il tempo con precisione e semplicità; il microscopio. che ha dato enorme impulso alla medicina, la biologia, la botanica; il telescopio, che ha avuto analoga importanza per la sviluppo dell'astronomia e dell'esplorazione; le macchine a vapore che hanno determinato la rivoluzione industriale e hanno profondamente cambiato anche i trasporti, con la nascita delle moderne ferrovie.

Wootton, che insegna storia all’Università di York, è autore anche di libri come Bad Medicine: Doctors Doing Harm Since Hippocrates, pubblicato nel 2006, e di Galileo: Watcher of the Skies, pubblicato nel 2010. In La scintilla della creazione, racconta come siamo arrivati al moderno metodo scientifico, anche grazie alle figure umane e scientifiche e le scoperte di astronomi genialicome Tycho Brahe, Nicolò Copernico, Galileo Galilei, Giovanni Keplero; di fisici, chimici e matematici come Robert Boyle, Isaac Newton; del cambiamento di paradigma filosofi e pensatori come Cartesio, Montaigne, Giordano Bruno, Hobbes, Locke. Persone che hanno cambiato il modo in cui pensiamo, spesso sfidando anche le convenzioni e le regole, scritte e non, della propria epoca.

 

JoomlaStats Activation

SRM - Science and Religion in Media

Giornale on line iscritto nel registro della stampa del tribunale di Roma, n.100/2011, 4 aprile 2011

Direttore: Paolo Centofanti

ISSN: 2239-4273

Chiarimenti SRM

Paolo Centofanti, nell'ambito dei suoi interessi socio culturali, in qualità di giornalista pubblicista e manager no profit, è attualmente direttore di SRM.
E' quindi opportuno chiarire che, pur lavorando Paolo Centofanti in Sky Italia, il Progetto SRM - Science and Religion in Media non ha alcun legame né relazione con la società, né con suoi dipendenti, dirigenti o collaboratori interni o esterni: è frutto solo dell'attività culturale e della passione del sottoscritto e di coloro i quali vi collaborano a titolo gratuito o con partnership sempre a carattere socio culturale; altri partner sono visibili come riferimenti nel sito del giornale, www.srmedia.infolink, o nella newsletter.
Nel caso in cui doveste riscontrare sul web o altrove articoli, pagine, informazioni o altro che potessero far pensare diversamente, cortesemente segnalate a pcentofanti@gmail.com o direttore@srmedia.org.