Origine e sviluppo dell'universo, tra fede e scienza E-mail
Scritto da Paolo Centofanti, Direttore SRM   
Giovedì 02 Marzo 2017 08:51

galassia Due conferenze a Roma, per capire, in un approccio che media la visione della religione con quella scientifica delle attuali teorie cosmologiche, come è nato e come si sta sviluppando l'universo. Due eventi organizzati dal Master in Scienza e Fede dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, nell'ambito del modulo Creazione e teorie sull’origine dell’universo. La ricerca scientifica sull’universo primordiale sarà il tema del prossimo incontro con l'astrofisico Paolo De Bernardis, professore all'università La Sapienza di Roma, dove insegna tra l'altro astrofisica e cosmologia osservativa.

De Bernardis, martedì 7 marzo 2017 dalle 17.10, nella conferenza La ricerca scientifica sull’universo primordiale, parlerà delle attuali teorie sulle origini dell'universo, e delle ricerche più recenti per confermarle, realizzate con strumenti come il satellite Planck per l'analisi del fondo cosmico a microonde - CMB, il telescopio spaziale Herschel, o con esperimenti come BOOMERanG, realizzato con un pallone sonda in America del Nord e in Antartide tra il 1998 e il 2003 per misurare la radiazione cosmica di fondo.

Martedì 28 febbraio Costantino Sigismondi, docente all'Università La Sapienza di Roma, è invece intervenuto sul tema L’origine dell’Universo e del tempo. Sigismondi ha spiegato anche l'attuale difficoltà sia ad arrivare a teorie conclusive e dimostrate, sia ad arrivare ad un approccio intellettuale equilibrato, tra fede, scienza e filosofia, raccontando come invece tale approccio fosse possibile per grandi scienziati come Galileo Galilei, Gerberto D'Aurillac, astronomo e monaco, divenuto Papa Silvestro II, o Padre Giuseppe Mercalli, vulcanologo e sismologo.

 

JoomlaStats Activation

SRM - Science and Religion in Media

Giornale on line iscritto nel registro della stampa del tribunale di Roma, n.100/2011, 4 aprile 2011

Direttore: Paolo Centofanti

ISSN: 2239-4273

Chiarimenti SRM

Paolo Centofanti, nell'ambito dei suoi interessi socio culturali, in qualità di giornalista pubblicista e manager no profit, è attualmente direttore di SRM.
E' quindi opportuno chiarire che, pur lavorando Paolo Centofanti in Sky Italia, il Progetto SRM - Science and Religion in Media non ha alcun legame né relazione con la società, né con suoi dipendenti, dirigenti o collaboratori interni o esterni: è frutto solo dell'attività culturale e della passione del sottoscritto e di coloro i quali vi collaborano a titolo gratuito o con partnership sempre a carattere socio culturale; altri partner sono visibili come riferimenti nel sito del giornale, www.srmedia.infolink, o nella newsletter.
Nel caso in cui doveste riscontrare sul web o altrove articoli, pagine, informazioni o altro che potessero far pensare diversamente, cortesemente segnalate a pcentofanti@gmail.com o direttore@srmedia.org.