Google e Facebook nella guerra alle fake news E-mail
Scritto da Redazione SRM   
Domenica 09 Aprile 2017 21:58

googlePer chi si occupa del rapporto tra fede e scienza, quella contro le fake news è una guerra complicata, che ha molteplici fronti: da una parte la necessità di identificare i falsi casi mediatici, che si tratti di notizie scientifiche, o che riguardano la sfera della fede, o di tentativi di negare la religione con presunte scoperte. Dall'altra parlare in modi obiettivi della possibile compatibilità tra scienza e fede, senza però cadere nell'apostolato, e senza prestare il fianco ad accuse di falsità o di strumentalizzazioni. Senza quindi nemmeno dare a chi voglia contestarci la possibilità di etichettare o magari segnalare come fake news ciò che pubblichiamo.

Potrebbe sembrare un ossimoro, e certamente così lo definirà chi ha atteggiamenti antireligiosi o materialistici, ma è possibile rendere ragionevole la fede, spiegare la ragione della fede e il fatto che non sempre collida con le ragioni della scienza. Parlando invece del web, e del modo in cui si stanno muovendo i protagonisti di Internet e dei social network, rimandiamo a questa notizia di Fede e Ragione, sulle nuove iniziative di Google e Facebook per combattere, limitare e togliere traffico web alle fake news.

Che, si scopre, servono più a far soldi tramite la pubblicità, che a cercare di fare opinione e orientare il consenso di chi le legge. E che sono anche pericolose, non solo quando possono modificare gli atteggiamenti politici, ma soprattutto quando parlano ad esempio di vaccini pericolosi, di malattie inesistenti o di cure utili solo economicamente a chi le somministra. Per evitarle, Google ha creato una etichetta fact check per notizie verificate. Mentre Facebook ha presentato una nuova sezione notizie e un decalogo per riconoscerle e evitarle. Link Fede Ragione.

 

Ultime notizie

JoomlaStats Activation

SRM - Science and Religion in Media

Giornale on line iscritto nel registro della stampa del tribunale di Roma, n.100/2011, 4 aprile 2011

Direttore: Paolo Centofanti

ISSN: 2239-4273

Chiarimenti SRM

Paolo Centofanti, nell'ambito dei suoi interessi socio culturali, in qualità di giornalista pubblicista e manager no profit, è attualmente direttore di SRM.
E' quindi opportuno chiarire che, pur lavorando Paolo Centofanti in Sky Italia, il Progetto SRM - Science and Religion in Media non ha alcun legame né relazione con la società, né con suoi dipendenti, dirigenti o collaboratori interni o esterni: è frutto solo dell'attività culturale e della passione del sottoscritto e di coloro i quali vi collaborano a titolo gratuito o con partnership sempre a carattere socio culturale; altri partner sono visibili come riferimenti nel sito del giornale, www.srmedia.infolink, o nella newsletter.
Nel caso in cui doveste riscontrare sul web o altrove articoli, pagine, informazioni o altro che potessero far pensare diversamente, cortesemente segnalate a pcentofanti@gmail.com o direttore@srmedia.org.