Neuroscienze: come i neonati studiano l’ambiente in cui si trovano

Dal momento della nascita, i neonati studiano l’ambiente in cui si trovano, ne recepiscono informazioni, e le elaborano per capire meglio anche gli oggetti che si trovano ad osservare o con cui interagiscono. Lo spiega uno studio realizzato da ricercatori che si occupano di neuroscienze, scienze psicologiche e scienze cognitive in diverse  istituzioni italiane e straniere. La ricerca è stata coordinata dalla professoressa Teresa Farroni, del dipartimento di psicologia dello sviluppo e della socializzazione dell’università di Padova. Con il titolo Multisensory perception of looming and receding objects in human newborns, questo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Current Biology. I ricercatori[…]

Read more
John Lennox

John Lennox: la fede è parte della mia vita come la scienza

Il matematico John Lennox: “La fede non è un salto nell’ignoto, ma un impegno basato sull’evidenza”. Professore all’università di Oxford, credente, Lennox ha recentemente parlato del proprio rapporto con la fede e con la ricerca scientifica. In un incontro con il filosofo ateo Michael Ruse, Lennox ha spiegato la ragionevolezza della propria fede cristiana. Il confronto con Ruse si è svolto all’Institute of Mechanical Engineers di Londra. “La fede – ha affermato – è parte integrante della mia vita di intellettuale e scienziato”. Una fede per Lennox basata sulla ragione, in modo simile alla scienza. “La mia fede cristiana –[…]

Read more
INFN/LNGS Laboratori Nazionali del gran Sasso

Matematica e biologia ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso

Nuova iniziativa formativa a L’Aquila sulle scienze matematiche e le loro applicazioni pratiche e in ambiti scientifici, organizzata dal GSSI in collaborazione con l’università di Chicago, Un percorso formativo di circa due settimane, da domenica 27 agosto a venerdì 8 settembre 2017,  dal titolo Stochastic PDEs, Mean Field Games and Biology – Equazioni alle Derivate Parziali Stocastiche, Teoria dei giochi di campo medio e Biologia. Dedicato principalmente a studenti di Dottorato e post Dottorato, l’evento è promosso nell’ambito di un accordo formalizzato tra il Gran Sasso Science Institute e il Dipartimento di Matematica dell’università di Chicago.  Il  GSSI ospiterà nella[…]

Read more
nature human genome project

Nature: i 25 anni del Progetto Genoma Umano

La rivista scientifica Nature celebra i 25 anni del Progetto Genoma Umano – Human Genome Project HGP, avviato nel 1990, dall’allora nuovo Centro Nazionale statunitense per la ricerca sul Genoma Umano, che presto avrebbe avuto collaborazioni di altri istituti a livello internazionale. L’articolo, Human Genome Project: Twenty-five years of big biology, è firmato da Eric D. Green, James Dewey Watson e Francis S. Collins, che hanno diretto il Centro e portato il Progetto a svilupparsi, realizzando, come spiegano loro stessi, alla realizzazione di “una delle storicamente più importanti imprese scientifiche: una ricerca di 13 anni per sequenziare tutte le tre miliardi di[…]

Read more
cervello

Roma, eventi tra evoluzione, neuroscienze e misticismo

Un programma di eventi, nel mese di marzo, per parlare di tematiche come l’evoluzione, coscienza, neuroscienze, neuroteologia, religione, spiritualità e misticismo. Organizzate a Roma dal Master in Scienza e Fede dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, queste quattro conferenze, che si svolgeranno in inglese, hanno come protagonisti Donald R. Frohlich, Ph.D., e di Robert J. Hesse Ph.D. Professore del dipartimento di Biologia dell’Università di St. Thomas, Donald R. Frohlich giovedì 5 marzo è intervenuto sul tema Evolutionary Theory. Or Why the Central Theory of Modern Biology is God’s Gift to Religion – Teoria evolutiva. O perché la teoria centrale della biologia moderna[…]

Read more
Scimmia Bonobo, Wikipedia

Neuroscienze: il cervello cambia dimensioni al cambiare dello status sociale

Il cervello degli esseri umani e di molte specie animali, tra cui i primati, cresce o si restringe in connessione al variare del proprio status sociale. Lo dimostrerebbe uno studio pubblicato su Plos Biology e segnalato da Science Magazine, che ha ripreso la notizia dalla BBC. La ricerca è stata realizzata con un gruppo di venticinque macachi, studiati tramite risonanza magnetica: ne emergerebbe che alcune specifiche aree del cervello si erano espanse negli individui dominanti, mentre altre aree erano di maggiori dimensioni negli individui più in basso nella gerarchia sociale. Negli individui più in alto socialmente, l’attività del cervello era[…]

Read more