scienza

Scienza e Fede: la religiosità frena l’innovazione ?

Questa l’ipotesi che scaturirebbe da uno studio realizzato negli Stati Uniti dall’economista Roland Bénabou e due altri economisti dell’Università di Princeton: la loro ricerca mostrerebbe che il livello di religiosità di una nazione, mediamente, è inversamente proporzionale al livello di innovazione scientifica. Bénabou spiega infatti che “Paesi con elevati livelli di religiosità presentano modesti livelli di innovazione scientifica e tecnica, in termini di numero di brevetti per abitante”,  e che tale situazione si ripete anche “quando si tiene conto delle differenze, esistenti nella popolazione, nel reddito pro capite e nei livelli di istruzione”. Lo studio è stato segnalato nel mese di settembre sul[…]

Read more

Natura, umanità e sostenibilità, un evento in Vaticano

In questi giorni, da venerdì 2 a martedì 6 maggio, si sta svolgendo in Vaticano un evento dedicato allo sostenibilità ambientale e sociale, organizzato dalla Pontificia Accademia delle Scienze e parallelamente dalla omologa istituzione che studia le Scienze Sociali. Con il titolo Umanità sostenibile. Natura sostenibile. La nostra responsabilità – Sustainable Humanity, Sustainable Nature: Our Responsibility, questo workshop affronta alcune delle questioni fondamentali dell’ecologia moderna, dai problemi dell’impatto degli esseri umani su clima e ambiente, al possibile statuto della persona umana nell’attuale mondo tecnologico, dominato dalla scienza; dal modo in cui percepiamo e possiamo più correttamente definire il nostro rapporto[…]

Read more

Lincei: la scienza, una risorsa per l’Italia

Il nostro paese, anche se non la valorizza adeguatamente, ha una grande risorsa: la scienza; fondamentale per lo sviluppo tecnologico della nazione, per la sua crescita economica e per la capacità di competere internazionalmente su mercati sempre più globalizzati e complessi; importante anche per ragioni sociali e morali: per come può contribuire a definire i valori di un popolo, in particolare dei giovani, ma anche per le implicazioni etiche che determinate forme di ricerca, come ad esempio le biotecnologie, comportano. DI alcuni di questi temi si parlerà venerdì 9 maggio 2014 all’Accademia Nazionale dei Lincei: il Socio Linceo Elena Cattaneo[…]

Read more

Evoluzione come adattamento casuale ?

Secondo uno studio di alcuni ricercatori dell’Università di Tucson, in Arizona, guidati dalla prof.ssa Joanna Masel, gli esseri viventi si adatterebbero all’ambiente in conseguenza di mutazioni casuali, dovute a “errori genetici”, e che si dimostrerebbero vincenti, o comunque capaci di garantire la sopravvivenza, se non la supremazia, dei soggetti mutati. La ricerca, pubblicata su PNAS, Proceedings of the National Academy of Sciences, ha analizzato la crescita e lo sviluppo di colonie di lieviti, permettendo anche di definire un modello matematico di evoluzione, e di simularne così teoricamente le possibili modificazioni genetiche su periodi di tempo molto più ampi.

Read more