Perché la scienza segue le moderne vie della seta: intervista a Lucia Votano

Intervistare una scienziata e ricercatrice di rilevanza internazionale, prima donna ad aver ricoperto l’incarico di Direttore del Laboratorio Nazionale del Gran Sasso – LNGS dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – INFN pensiamo sia un buon modo per ricominciare a pubblicare con una certa regolarità interviste a personaggi di spicco del mondo della scienza, della cultura, della religione. Abbiamo intervistato la fisica Lucia Votano, autrice del volume La via della seta. La fisica da Enrico Fermi alla Cina di cui avevamo parlato nelle scorse settimane, e di cui pubblicheremo una recensione più approfondita tra qualche tempo. La professoressa Votano – autrice di circa[…]

Read more
Accademia Nazionale dei Lincei Palazzo Corsini

Fisica, ricerca e innovazione

Due eventi a Roma, promossi dall’Accademia Nazionale dei Lincei. Domenica 4 febbraio 2018 alle 11.00, a palazzo Corsini, si svolgerà una Lettura Corsiniana sul tema L’immagine fisica del mondo: dal microcosmo all’universo. Relatore il fisico italiano Giovanni Jona Lasinio molto noto a livello internazionale per le sue ricerche sulla meccanica statistica e la teoria dei campi.  Dopo la lectio di Jona Lasinio, nel pomeriggio sarà possibile visitare la sede dell’Accademia, e la Biblioteca dove sono esposti antichi manoscritti e altre opere, a carattere scientifico. Mercoledì 7 febbraio, dalle 14.00 alle 18.30, si svolgerà invece l’evento Ricerca e innovazione in Italia e in Europa,[…]

Read more

La via della seta. La fisica da Enrico Fermi alla Cina

Lucia Votano, autrice del volume di cui parliamo oggi, è uno dei fisici delle particelle più conosciuti e apprezzati al mondo; è stata la prima donna a dirigere i Laboratori di Fisica Nucleare del Gran Sasso INFN – LNGS, dal settembre del 2009 all’ottobre del 2012. Dopo quell’esperienza al vertice del più grande e importante laboratorio sotterraneo al mondo di fisica delle particelle, oggi ha un ruolo di primo piano nell’esperimento internazionale JUNO – Jiangmen Underground Neutrino Observatory, nella Cina meridionale. Questo progetto internazionale di ricerca – a cui l’Italia partecipa con l’INFN, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e che coinvolge centinaia[…]

Read more
Papa Francesco

Papa Francesco: superare la religiosità abitudinaria e scontata

Alla vigilia della partenza per il suo viaggio apostolico in Cile e Perù, nell’Angelus in piazza San Pietro oggi il Santo Padre è tornato a parlare di come i cristiani devono vivere in modo più autentico la propria fede. Superando quella che il Pontefice definisce “una religiosità abitudinaria e scontata”, basata appunto sulle abitudini e sulla “frequenza dei sacramenti”, più che sul vivere la propria fede giorno dopo giorno. Oggi, domenica 16 gennaio 2018, ricorre la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. E Papa Francesco ha parlato nuovamente anche della necessità di accogliere e proteggere coloro che fuggono dalle guerre o[…]

Read more

Il medico di Lourdes racconta esperienze di pre morte, tra fede e scienza

Patrick Theillier, come uomo e come scienziato, ha esperienza diretta di miracoli, per averli studiati e in alcuni casi accertati e certificati. Dal 1998 al 2009 è stato infatti medico capo del Bureau des Constatations Médicales – Ufficio delle Constatazioni Mediche del santuario di Lourdes. Il Bureau si occupa appunto di valutare guarigioni potenzialmente miracolose avvenute a Lourdes, e eventualmente confermarle o disconfermarle come tali. Attività in cui la scienza, principalmente la medicina, arriva in aiuto della fede, anziché negarla a priori come ipotizzerebbero alcuni atei. In questo volume, Quando la mia anima uscì dal corpo. Un medico racconta le[…]

Read more
sturp

Sindone: gli studi realizzati nel 1978

Sono trascorsi quasi quarant’anni da quando venne realizzato il più completo e sistematico studi sul sacro Telo di Torino. Analisi effettuate dallo Shroud of Turin Research Project – Sturp, un gruppo di ricerca internazionale e interdisciplinare di studiosi tra i quali chimici, biochimici, ingegneri, che ebbe l’opportunità di studiare direttamente la Sindone per 120 ore, dall’8 al 13 ottobre del 1978. Le analisi vennero effettuate utilizzando anche alcune tecnologie tecnologie per quel tempo ultrasofisticate, derivate anche dalla ricerca spaziale e da quella militare. Di quel gruppo faceva parte, come fotografo documentale, Barrie Schwortz, ricercatore e fotografo scientifico, che attualmente dirige[…]

Read more