Seven Types of Atheism John Gray

Scienza e fede: Sette tipi di ateismo

L’ateismo può essere “religioso” e fideistico come la fede stessa: basato su convinzioni personali, più che sulla logica e la ragione. Lo spiega il Il filosofo britannico John Gray nel suo ultimo libro Seven Types of Atheism – Sette tipi di ateismo. Nel precedente e provocatorio Straw Dogs – Cani di paglia, aveva cercato di dimostrare gli errori del pensiero filosofico e scientifico occidentale, che vede gli esseri umani nettamente al di sopra di tutte le altre specie viventi. Partendo dai filosofi greci, arrivando al cristianesimo, alla filosofia e alla scienza moderne e alle teorie di Darwin sull’evoluzione, Gray affermava l’illusione[…]

Read more
Oumuamua, cortesia Eso - Komesser

Oumuamua potrebbe essere realmente una sonda extraterrestre ?

Lo ipotizza uno studio realizzato da astronomi dell’università di Harvard: Oumuamua potrebbe davvero essere una sonda di origine extraterrestre. Gli studiosi hanno pubblicato la loro ricerca su Arxiv, e l’hanno sottomessa alla rivista scientifica The Astrophisical Journal Letters. Le loro conclusioni potrebbero spiegare il comportamento di Oumuamua, a dir poco atipico per un asteroide o una cometa. L’oggetto celeste non è stato solo il primo ad essere individuato per aver avuto origine al di fuori del nostro sistema solare. Ha interrogato da subito astronomi e astrofisici per la sua particolare forma allungata: la lunghezza è infatti dieci volte la larghezza, e lo[…]

Read more
NASA Curiosity Mars image

La ricerca di vita extraterrestre obiettivo della Nasa

Un rapporto della National Academy of Sciences – NAS statunitense invita la Nasa a maggiori sforzi per cercare forme di vita extraterrestre. Anzi gli studi sull’esobiologia per l’accademia  delle scienze secondo il documento devono essere al centro delle attività dell’agenzia spaziale. E integrarsi con le attuali e future missioni di ricerca della Nasa. Il rapporto, come spiega un articolo sulla rivista scientifica Scientific American, è stato presentato al Congresso degli Stati Uniti. Per la Nas l’attuale periodo è anzi il più opportuno per progettare ricerche che ci consentano di rispondere alla questione dell’esistenza di forme di vita aliene. Forme semplici[…]

Read more
marte nasa jpl caltech

Nature: l’ossigeno nelle acque di Marte potrebbe sostenere la vita

Le acque presenti al di sotto della superficie di Marte potrebbero contenere ossigeno sufficiente per forme di vita come microbi aerobici o spugne. Ne parla un articolo pubblicato il 22 ottobre 2018 sulla rivista scientifica Nature Geoscience, con il titolo O2 solubility in Martian near surface environments and implications for aerobic life. Solubilità O2 in ambienti marziani vicini alla superficie e implicazioni per la vita aerobica. DOI 10.1038 / s41561-018-0243-0. Lo studio è stato realizzato da Woodward W. Fischer, Michael Mischna, Vlada Stamenkovic e Lewis M. Ward. Finora invece gli scienziati pensavano che nelle acque situate appena al di sotto del suolo marziano[…]

Read more

Stalker pericolosi come mafiosi: sorveglianza speciale e obbligo di cure

Tribunale di Milano, primo caso: stalker equiparati ai mafiosi, obbligo di sorveglianza giuridica preventiva e di cure. Lo stalker in questa importante e giuridicamente innovativa Sentenza è equiparato ad un mafioso. Determinando l’obbligo verso il presunto stalker – e pure in assenza di una Sentenza verso il soggetto – di sorveglianza speciale, parallelamente all’obbligo di cure. Misure speciali determinate dalla pericolosità sociale del soggetto, e che trovano ragione anche nella riforma 2017 del codice antimafia. Gli stalker infatti, rifiutando di accettare le proprie patologie, e vivendo i propri comportamenti non come patologici, ma come uno stile di vita, rifiutano sempre[…]

Read more
Nasa Apollo 7 22 ottobre 1968

Anniversari: Nasa, gli astronauti dell’Apollo 7 al rientro dalla missione

L’immagine del giorno Nasa è una fotografia che celebra i cinquant’anni dal rientro della missione Apollo 7,  il 22 ottobre del 1968. Lanciata l’11 ottobre del 1968 con un razzo Saturn dalla base dell’Air Force di Cape Canaveral, questa fu la prima missione con equipaggio umano dopo la tragedia dell’Apollo 1. Il modulo spaziale ammarò nel Golfo del Messico. Vediamo raffigurato a sinistra il comandante Walter Schirra. Al centro Donn Eisele, pilota del modulo di comando. A destra Walter Cunningham, pilota del modulo lunare. Accanto a lui  il dottor Donald E. Stullken, capo del Nasa Recovery Team presso il Manned Spacecraft Center’s[…]

Read more