Astrofisica: due colonne di gas caldo al centro della Via Lattea

I due flussi di gas sono stati individuati grazie ad uno studio guidato da Gabriele Ponti, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica  – INAF. La eccezionale scoperta è stata realizzata tramite osservazioni del satellite XMM Newton dell’ESA – Agenzia Spaziale Europea. Questo nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature con il titolo An Xray chimney extending hundreds of parsecs above and below the Galactic Centre. Gli autori, oltre a Ponti, sono  E. Churazov, M. Clavel, F. Hofmann, A. Goldwurm, F. Haberl, M. R. Morris, K. Nandra, R. Terrier. Ponti ha spiegato che “i flussi di gas e venti di particelle ed[…]

Read more

Capire l’evoluzione dell’universo attraverso i quasar

Espansione dell’Universo: più vicini al Big Bang grazie ai quasar Uno studio dei ricercatori di Università di Firenze, INAF e Centre for Extragalactic Astronomy – Durham University misura l’evoluzione dell’Universo nei primi miliardi di anni dal Big Bang. La ricerca è stata pubblicata su Nature Astronomy. Un nuovo studio pubblicato oggi sulla rivista Nature Astronomy da Guido Risaliti (Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze e associato INAF presso l’Osservatorio di Arcetri) ed Elisabeta Lusso (Centre for Extragalactic Astronomy, Durham University) ha permesso per la prima volta di misurare l’espansione dell’Universo andando indietro nel tempo fino a circa un[…]

Read more
La scienza e l'europa

Libri: La scienza e l’Europa

Oggi parliamo del volume di Pietro Greco sulla scienza in Europa nel primo Novecento. Il libro La scienza e L’Europa. Il Primo Novecento, dedicato alla ricerca scientifica agli inizi dello scorso secolo, continua la serie inaugurata con i tre titoli omologhi precedenti. Il primo: Dalle Origini al XIII Secolo, pubblicato nel 2014. Quello su Il Rinascimento, del 2015. E il penultimo sul periodo Dal Seicento all’Ottocento, pubblicato nel 2016. In questo nuovo libro, Greco descrive un periodo di grande crescita e sviluppo della scienza europea. Seguito purtroppo da quello che definisce invece un periodo disastroso, in cui l’Europa perde il proprio ruolo preminente[…]

Read more

Sharper: la Notte Europea dei Ricercatori a L’Aquila

Dodici città coinvolte nell’edizione 2018 di Sharper, con la presenza di oltre mille tra ragazze e ragazzi. Pubblichiamo integralmente la nota ufficiale ricevuta dai Laboratori Nazionali di Fisica Nucleare del Gran Sasso, INFN – LNGS. I Laboratori del Gran Sasso, con la città di L’Aquila, ospitano infatti alcuni degli eventi Sharper, iniziativa annuale nell’ambito della Notte Europea dei Ricercatori. Istituito dalla Commissione Europea nel 2005,  questo appuntamento annuale con la scienza nel 2018 ha visto oltre duecento eventi in tutta Europa. Con nove progetti e 116 città solo in Italia. La Notte dei Ricercatori ogni anno vede partecipare a questa iniziativa[…]

Read more

Scienza: Sharper e Notte Europea dei ricercatori

Oltre 200 eventi europei e 166 città italiane coinvolte, questi i numeri dell’edizione 2018 della Notte Europea dei ricercatori Venerdì 28 settembre 2018 si ripeterò l’appuntamento annuale con questa iniziativa dedicata alla scienza e alla ricerca, nata nel 2005 per volontà della Commissione Europea. Con l’obiettivo di promuovere lo studio della scienza, la consapevolezza sociale della sua importanza, e lo sviluppo tra i cittadini di una reale cultura scientifica.  E di far incontrare il grande pubblico con scienziati e ricercatori, che raccontano anche le proprie professioni. In questi tredici anni sono stati migliaia gli studiosi e le istituzioni che hanno[…]

Read more
Aeolus ESA

Con Aeolus previsioni meteorologiche più precise

Il satellite Earth Explorer Aeolus dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea, è in orbita attorno alla Terra Aeolus è stato lanciato il 22 agosto scorso alle 2200 GMT – 18.20 ora locale – a bordo di un razzo Vega dallo Spaceport ESA di Kourou, nella Guyana francese. Pubblichiamo – cortesia ESA – il video del decollo della missione. Il satellite è entrato in orbita alle 00:30 CEST del giorno successivo. Il contatto con la terra è avvenuto con la base Troll in Antartide. Il nome ovviamente deriva dal dio dei venti della mitologia, figlio di Poseidone e Arne. Eolo era stato incaricato da Zeus[…]

Read more
ESA Planck in the Space

Planck conferma la validità del modello standard della cosmologia

La missione Planck dell’ESA ha fornito dati estremamente precisi, come mai avvenuto finora, che mostrano la validità di tale modello.  Un successo europeo senza precedenti, spiegato in una nota ufficiale dell’ESA – Agenzia Spaziale Europea, dell’ASI – Istituto Nazionale di Astrofisica, e INAF – Istituto Nazionale di Astrofisica. Solo cinque anni fa, il 21 marzo del 2013, era stato possibile realizzare la prima immagine del cosmo tramite microonde. Riportiamo integralmente il testo ESA – ASI, che racconta anche la storia – dal lancio nel 2009 – e i progressi ad oggi della missione Planck. Riportando anche i commenti  di tre[…]

Read more

Planck: confermato il modello standard della cosmologia

INAF e ASI: La missione Planck dell’ESA conferma “la validità del modello standard della cosmologia” L’Agenzia Spaziale Europea – ASI e l’Istituto Nazionale di Astrofisica – INAF spiegano che il modello standard della cosmologia è stato confermato grazie alla missione Planck. Con quella che definiscono “una precisione senza precedenti”. Il satellite Planck dell’ESA – Agenzia Spaziale Europea è stata lanciato con il satellite Herschel il 14 maggio del 2009, dalla base di Kourou, nella Guiana Francese. Pubblichiamo integralmente la nota ufficiale INAF – ASI. Rimandando ad un nuovo articolo in cui esponiamo la sintesi di questa scoperta, della sua importanza, delle prospettive per[…]

Read more

Scienza, fede, ragione: non si può copiare …

Citare e non copiare, grazie, quando volete parlare con noi di scienza, fede, ragione Ringraziamo coloro che hanno voluto in questi anni o vorranno in futuro citare SRM o Fede Ragione con estratti e citazioni di articoli e non. Un modo per mostrarci interesse per ciò che facciamo, e per farci capire che stiamo lavorando bene. Ugualmente siamo contenti quando qualcuno vuole riprendere – segnalandocelo – un articolo integralmente e tradurlo, per renderlo disponibile in un’altra lingua, con opportuno link alla fonte originale. Diversa questione – delicata a dir poco – sarebbe invece copiare integralmente interi articoli.  A maggior ragione[…]

Read more