Identificato genoma di prima generazione Neanderthal Denisova

Nature: sequenziato il genoma antico di un individuo adolescente, nato da una madre Neanderthal e un padre di Denisova Alcuni ricercatori hanno definito la sequenza del genoma di un antico frammento osseo di un ominide, adolescente, ritrovato nella grotta di Denisova, in Russia. Ne è emerso che l’individuo adolescente era stato generato da una madre Neanderthal e un padre di Denisova. La scoperta è stata pubblicata su Nature mercoledì 22 agosto 2018, con il titolo The genome of the offspring of a Neanderthal mother and a Denisovan father. l genoma della progenie di una madre di Neanderthal e un padre di Denisova.[…]

Read more

Il Miracolo e le apparizioni di Fatima, tra scienza e fede

Il Miracolo del sole di Fatima, e le apparizioni della Vergine, si verificarono 101 anni fa Nell’anno del 160mo anniversario delle apparizioni della Vergine nella grotta di Massabielle, a Lourdes, e della dichiarazione ufficiale del 70mo miracolo del Santuario, ricordiamo anche gli eventi prodigiosi di Fatima. La prima apparizione della Madonna ai tre pastorelli, di cui si è celebrato domenica scorsa l’anniversario, avvenne infatti il 13 maggio del 1917. Le apparizioni continuarono nei mesi successivi, il 13 di ciascun mese, alla presenza dei due fratelli Francisco e Giacinta Marco e della loro cugina Lucia dos Santos. Giacinta, la più piccola, all’epoca aveva[…]

Read more

Scienza e fede, tra miracoli di Lourdes e sostenibilità ambientale

Si è parlato di due diverse sfaccettature del rapporto tra religione e ricerca scientifica a Roma, tra il mese di gennaio e febbraio. Le guarigioni miracolose avvenute nel Santuario di Lourdes martedì 9 gennaio 2018 sono state al centro di una conferenza del professor Franco Balzaretti, vicepresidente nazionale dell’AMCI, l’Associazione dei Medici Cattolici Italiani. Balzaretti è membro del CMIL, il Comitato Medico Internazionale di Lourdes, che studia scientificamente, e quando opportuno certifica come miracolosi, i casi di pellegrini guariti dopo aver visitato la grotta di Massabielle. Guarigioni inspiegabili da patologie croniche, terminali o comunque considerate dai medici come irreversibili. Ad oggi le guarigioni[…]

Read more
/science maggio 2017

Il Dna di antichi umani dai sedimenti di siti archeologici

Studiando l’ambiente in cui vivevano, è possibile trovare nel suolo tracce biologiche di ominidi. Tracce che permettono ad esempio di capire quali popolazioni abbiano vissuto nel sito studiato, quanti individui, e altre informazioni, preziose per capire come si sono evolute e quali contatti abbiano avuto tra loro differenti popolazioni di ominidi. Ne parla un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Science il 12 maggio 2017: Neandertal and Denisovan DNA from Pleistocene sediments – Dna di Neanderthal e uomo di Denisova da sedimenti del Pleistocene, pagina 605. L’articolo è firmato dalla ricercatrice Viviane Slon e da un gruppo internazionale di studiosi, provenienti da[…]

Read more
danila castelli

Lourdes: morta Danila Castelli, ultima miracolata ufficiale

La sua guarigione, verificatasi dopo un pellegrinaggio al Santuario il 4 maggio del 1989, era stata la sessantanovesima ufficialmente riconosciuta come miracolosa dal Bureau des Constatations Médicales, l’ente incaricato di studiare e valutare dal punto di vista medico scientifico tutti i casi di questo tipo, e dalla Chiesa Cattolica. I miracoli sono infatti questione delicata, che sfida la ragione e può essere definita solo attraverso la fede e le conferme della scienza medica e della teologia. Il 19 novembre del 2011 la commissione medica aveva certificato la miracolosità della guarigione per la scienza, in quanto appunto non spiegabile “allo stato[…]

Read more
lourdes Madonna grotta massabielle

Scienza e fede: nuovo miracolo a Lourdes ? Bimba sorda recupera l’udito

La notizia è stata data questa settimana dall’Unitalsi: mercoledì 11 maggio 2016 una bambina di 6 anni, sofferente di sordità dalla nascita, avrebbe improvvisamente recuperato l’udito, perso conseguentemente alle complicazioni di un parto prematuro, e alle terapie urgenti che le avevano causato emorragie cerebrali, e danneggiato i canali uditivi in modo apparentemente irreparabile. Il momento della guarigione, che potrebbe essere eccezionale anche nel caso non fosse miracolosa a tutti gli effetti, è stato descritto da un testimone oculare, Giuseppe Secondi, presidente della sottosezione Unitalsi di Milano sud ovest e direttore del pellegrinaggio: “Sono le 20.30 e stavamo giocando con la[…]

Read more
vittorio pesce delfino

Vittorio Pesce Delfino: studiò l’uomo di Altamura e la Sindone

Il 27 aprile 2016 è morto lo studioso italiano, docente di antropologia all’Università di Bari, noto anche per un suo famoso libro sul Sacro Telo in cui utilizzando il metodo scientifico si proponeva di dimostrarne la non autenticità. Ma nella comunità scientifica sono sicuramente i suoi studi sull’Uomo di Altamura, quelli che gli hanno valso maggiore notorietà e autorevolezza come scienziato. Scoperto da alcuni speleologi il 3 ottobre del 1993 nella grotta di Lamalunga, nella zona della cittadina di Altamura, l’Uomo di Altamura è lo scheletro di un Homo neanderthalensis, o Uomo di Neanderthal, che dovrebbe essere vissuto tra 126.000[…]

Read more
Accademia Nazionale dei Lincei

Eventi Lincei, tra scienza, arte e Bosone di Higgs

Eventi tra scienza e cultura quelli organizzati a Roma dall’Accademia Nazionale dei Lincei nelle prime tre settimane del mese di Febbraio 2015. Le attività partono giovedì 12 febbraio a Palazzo Corsini, con un interessante incontro che mostra la stretta connessione tra arte e discipline scientifiche: alle ore 16.00 i soci lincei Salvatore Califano, Louis Godart, Massimo Inguscio e Salvatore Settis presenteranno il libro Scienza e Arte – La Superficie Dipinta – Science and Art. The painted surface. Curato dal socio linceo Antonio Sgamellotti, da Brunetto Giovanni Brunetti, dell’Università di Perugia, e da Costanza Miliani, del CNR-ISTM – Istituto di scienze e tecnologie[…]

Read more
Nature January 2015

Nature: cosa ci porterà la scienza nel 2015

Quali scoperte e quali sorprese possiamo aspettarci dalla scienza in questo 2015 appena cominciato ? Può risponderci la rivista scientifica Nature, che a conclusione del 2014 ha stilato un elenco delle più importanti questioni scientifiche con cui potremmo confrontarci in questo nuovo anno. Faranno sicuramente parte di questo elenco ideale, collocandosi probabilmente al primo posto per importanza, le ricerche realizzate con l’acceleratore di particelle Large Hadron Collider – LHC del CERN di Ginevra, Svizzera: dopo un periodo di stop di due anni per manutenzione e per un upgrade tecnico (cfr. SRM), l’LHC riprenderà infatti le attività sperimentali con una maggior potenza[…]

Read more