elphic_south_north_lunar_pole_ice

La Nasa conferma: ghiaccio sui poli lunari

Il ghiaccio è stato rilevato dal Luna Mineralogy Mapper della NASA: importante per future missioni e insediamenti umani sulla Luna Nell’immagine – cortesia Agenzia Spaziale Nazionale Americana – è possibile osservare come il ghiaccio superficiale sia presente al polo sud della luna – immagine a sinistra – e al polo nord – immagine destra. In queste zone la temperatura della superficie non supera mai i – 250 gradi Fahrenheit = – 121 gradi Celsius. La ragione è la minima inclinazione dell’asse di rotazione della Luna, per cui la luce solare non arriva mia in queste aree. L’immagine elaborata è in scala di grigi:[…]

Read more

World Oceans Day 2018, per difendere gli Oceani

Il World Oceans Day – Giornata Mondiale degli Oceani, sarà celebrato in tutto il mondo venerdì 8 giugno Il tema di quest’anno è Prevenire l’inquinamento plastico e incoraggiare soluzioni per un oceano sano. Un problema reso ancora più urgente dal drammatico inquinamento dei mari di tutto il mondo. Oggetti di plastica, residui e particelle sono presenti ormai in tutte le zone marine del pianeta, fino ad Artide e Antartide. E negli Oceani sono presenti vere e proprie isole di plastica galleggiante, create dai flussi delle correnti oceaniche e costituite di bottiglie di plastica, giocattoli, scarti della pesca e di altre industrie.[…]

Read more

L’oggetto interstellare è materia oscura ?

Questa l’ipotesi avanzata da alcuni ricercatori dell’università di Stanford, California, e pubblicata sul sito arXiv. L’articolo è firmato da David Cyncynates, Emanuela Dimastrogiovanni, Saurabh Kumar, Jagjit Sidhu, Glenn D. Starkman. Per gli studiosi, l’asteroide interstellare Oumuamua potrebbe essere composto di materia oscura, super densa. Al punto che il suo transito tra la Terra e il pianeta Mercurio potrebbe determinare una deviazione di circa dieci metri dell’orbita di Mercurio stesso. Il corpo celeste è stato individuato il 19 ottobre scorso dal telescopio Pan – STARRS 1, situato nelle isole Hawaii. David Cyncynates e i suoi colleghi hanno spiegato che Oumuamua “è generalmente considerato un oggetto[…]

Read more
Oumuamua, cortesia Eso - Komesser

Oumuamua, il primo asteroide da un altro sistema solare

Con una forma oblunga simile ad una penna, o che potrebbe ricordare un’astronave di un film di fantascienza, è stato scoperto il 19 ottobre 2017 dal telescopio Pan – STARRS 1 nelle isole Hawaii. Le caratteristiche di questo asteroide interstellare, denominato Oumuamua, e le informazioni sulla sua scoperta, sono descritte in un articolo sulla rivista scientifica Nature. Il nome che gli è stato attribuito, in hawaiano significa scout oppure messaggero. Per alcuni nella forma ricorda anche il monolito del film 2001 Odissea nello Spazio. Dagli studi e dalle informazioni scientifiche raccolte, sembra confermato che l’asteroide provenga dall’esterno del nostro Sistema Solare.[…]

Read more

Nasa: video degli uragani Katia, Irma e Jose

L’Agenzia spaziale americana ha pubblicato sul proprio sito web ufficiale una nuova animazione in computer graphics, realizzata attraverso l’elaborazione delle immagini riprese dal satellite geostazionario NOAA Goes East questa settimana, dal 5 all’8 settembre 2017. L’uragano Irma è arrivato in Florida, Stati Uniti, dove vi sono state almeno tre vittime, e più di di 2,1 milioni le persone sono rimaste senza elettricità. Le immagini del video della Nasa mostrano le evoluzioni e i percorsi degli uragani Katia, Irma e Jose. Sono state riprese dalle 7.45 am del 5 settembre, alle 7.45 am EDT dell’8 settembre. Nel video è visibile l’uragano Irma che[…]

Read more

Nuovi pianeti vicini alla Terra potrebbero ospitare la vita

Un gruppo internazionale di astronomi e astrofisici ha recentemente individuato un nuovo sistema solare abitabile, simile al nostro,  ad una distanza di soli 12 anni luce: Tau Ceti. Attorno alla stella, con caratteristiche simili al nostro sole, orbitano quattro corpi celesti di dimensioni planetarie. Due di tali pianeti, orbitanti nella zona considerata come abitabile, avrebbero buone probabilità di ospitare forme di vita. Gli scienziati sono arrivati a formulare tale ipotesi grazie al modo in cui i pianeti influenzano la stella con la loro forza gravitazionale. L’annuncio è stato dato in queste settimane dal Telegraph. Per le loro osservazioni gli scienziati hanno utilizzato telescopi in[…]

Read more
archaeometry

Pollini sulla Sindone: probabili tracce di unguento e balsamo usati nelle sepolture e in riti funebri

Queste una delle ipotesi formulate in un recente studio realizzato dalla botanica e biologa Marzia Boi, ricercatrice al Laboratorio di Botanica del Dipartimento di Biologia dell’Università delle Isole Baleari, a Palma di Maiorca, Spagna, e componente dell’Edices, il Gruppo di Ricerca del Centro Spagnolo di Sindonologia. La ricerca è stata pubblicata nel mese di aprile con il titolo Pollen on the Shroud of Turin: The Probable Trace Left by Anointing and Embalming – Polline sulla Sindone di Torino: la probabile traccia lasciata da unguento e balsamo, sulla rivista Archaeometry, edita dall’università di Oxford, Volume 59, Issue 2, pagine 316 –[…]

Read more
luna paolo centofanti

La super luna nel nostro cielo

La notte tra lunedì 14 e martedì 15 novembre 2016 anche nel nostro paese sarà possibile assistere ad un fenomeno astronomico spettacolare che non avveniva in modo paragonabile da 68 anni, e che si verificherà di nuovo solo nel 2034. Il nostro satellite sarà in plenilunio, ovvero la sua faccia visibile sarà completamente illuminata, in coincidenza con il suo perigeo, ovvero il momento di maggior vicinanza al nostro pianeta, ad una distanza di poco superiore ai 355 mila chilometri. Ne deriva che la super luna, come viene definita da alcuni, per gli osservatori sarà apparentemente più grande del 14 per[…]

Read more
asteroide vesta nasa

Torna la giornata dedicata agli asteroidi

Torna giovedì 30 giugno 2016 in tutto il mondo la seconda edizione dell’Asteroid Day, l’iniziativa internazionale che si propone di far conoscere le tematiche scientifiche relative agli asteroidi, dalla loro importanza per l’arrivo della vita su pianeti come la Terra, alla loro pericolosità in caso di impatto con il nostro pianeta, alle possibilità che abbiamo, con le attuali tecnologie, di tracciarne la presenza e i movimenti nel nostro sistema solare degli oggetti più vicini alla Terra, i cosiddetti Neo – Near Earth Objects. Tra i fondatori dell’Asteroid Day c’è uno studioso particolare: l’astrofisico Brian May,  più conosciuto dal grande pubblico[…]

Read more
world environment day

5 giugno, giornata mondiale dell’ambiente

Nuovo appuntamento, domenica prossima, con l’evento istituito nel 1972 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite e promosso annualmente dall’UNEP – United Nations Environment Programme, per sviluppare una maggiore consapevolezza e sensibilità verso la difesa della natura e del Pianeta Terra e verso le problematiche ambientali più urgenti e drammatiche, e per sostenere e coordinare azioni dirette alla tutela ambientale. Tema di questa edizione, con l’Angola quale paese ospite, La lotta contro il commercio illegale di animali selvatici. Nel 2015 il tema scelto è stato invece Sette miliardi di sogni; un Pianeta; Consumare con Attenzione; nel 2014 era Piccole Isole e Cambiamento Climatico.[…]

Read more