scienza e fede papa francesco

Papa Francesco: difendere il creato e fermare l’inquinamento

L’inquinamento e lo sfruttamento distruggono il pianeta e danneggiano irrimediabilmente le persone Così Papa Francesco sabato 9 giugno 2018 nel proprio discorso ai partecipanti all’incontro per dirigenti delle principali imprese del settore petrolifero, del gas naturale e di altre attività imprenditoriali collegate all’energia. L’incontro, svoltosi nella sala Clementina, era dedicato alle questione “della transizione energetica e della cura della casa comune”. Il Santo Padre ha sottolineato la positività e “opportunità di un proficuo scambio di opinioni e di conoscenze”, tra coloro che “rivestono un ruolo importante nell’orientare scelte, iniziative e investimenti nel settore energetico abbiano”. Un settore che cresce grazie alla[…]

Read more

Gran Sasso: Meeting sulla Materia Oscura

Dal 5 al 9 marzo il GSSI – Gran Sasso Science Institute – ha ospitato il General Meeting della Collaborazione scientifica DarkSide, sulla materia oscura. A questi cinque giorni di studi hanno partecipato studiosi provenienti da tutto il mondo. Si sono confrontati sui più recenti sviluppi della fisica nell’ambito di indagine della presenza nell’universo della materia oscura, delle sue caratteristiche, e delle su interazioni con la materia non oscura. Anticipando o ipotizzando quelli che saranno i possibili futuri avanzamenti in quest’ambito di ricerca. Questo evento internazionale era promosso dal GSSI, dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare INFN e dalla Princeton University. Nel[…]

Read more

Perché la scienza segue le moderne vie della seta: intervista a Lucia Votano

Intervistare una scienziata e ricercatrice di rilevanza internazionale, prima donna ad aver ricoperto l’incarico di Direttore del Laboratorio Nazionale del Gran Sasso – LNGS dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – INFN. Pensiamo sia un buon modo per ricominciare a pubblicare con una certa regolarità interviste a personaggi di spicco del mondo della scienza, della cultura, della religione. Abbiamo intervistato la fisica Lucia Votano, autrice del volume La via della seta. La fisica da Enrico Fermi alla Cina di cui avevamo parlato nelle scorse settimane. E di cui pubblicheremo una recensione più approfondita tra qualche tempo. La professoressa Votano – autrice di circa[…]

Read more
georges lemaitre

Scienza e fede: Georges Lemaître e le implicazioni filosofiche della teoria del Big Bang

Nato a Charleroi, Belgio, il 17 luglio del 1894, sacerdote, fisico e astronomo, Lemaître è stato un simbolo vivente del possibile equilibrio religione e ricerca scientifica. Un equilibrio che in una persona non vede necessariamente compromessi tra fede e scienza, ma che può portare a grandi conquiste scientifiche o teologiche. Georges Edouard Lemaître è infatti considerato il padre della moderna cosmologia: partendo dalla teoria della relatività generale di Albert Einstein, arrivò infatti a formulare l’ipotesi di una espansione illimitata dell’universo a partire dal Big Bang che gli avrebbe dato origine. Una tesi da lui pubblicata nel 1927 sugli Annali della[…]

Read more
nebulosa aquila

La formazione e lo sviluppo dell’universo

La cosmologia dei primordi dell’universo, le teorie sulla sua origine, la sua espansione e sviluppo e la formazione di pianeti e stelle. Questi alcuni degli argomenti che saranno affrontati martedì 15 dicembre 2015 alle ore 17.10 nella conferenza dell’astrofisico Costantino Sigismondi sul tema Dal Big Bang alla formazione di stelle e pianeti. Un evento promosso dal Master in Scienza e Fede nell’ambito del modulo I fondamenti della materia fisica. Docente presso l’ Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, Sigismondi parlerà soprattutto dell’ipotesi del Big Bang come causa della nascita dell’Universo. Una ipotesi formulata ad esempio dall’astronomo e sacerdote belga Georges Lemaître, in un[…]

Read more
george lemaitre albert einstein

Georges Lemaître e il Big Bang

Una conferenza a Roma, martedì 10 marzo 2015 alle 17.10, su Georges Lemaître, scienziato e credente, e sulla sua teoria del Big Bang e di un universo in espansione. Il professor Costantino Sigismondi, docente all’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, terrà per il Master in Scienza e Fede un intervento sul tema Georges Lemaître e il Big Bang, nell’ambito del modulo formativo Creazione e teorie sull’origine dell’universo. Nato il 17 luglio del 1894 nella cittadina di Charleroi, Belgio, Lemaître è stato un fisico, un astronomo e un sacerdote. Nel 1927 pubblicò negli Annali della Società Scientifica di Bruxelles, l’articolo Un Univers homogène de[…]

Read more

Buchi neri sulla Terra ? Ci sarebbero da molto prima dell’LHC …

Archiviate già precedentemente le tragiche e irreali previsioni (cfr. SRM) che il progetto LHC avrebbe generato buchi neri che avrebbero finito per divorare la Terra, si scopre che forse in giro sul nostro pianeta ve ne sarebbero già diversi, e da tempo non calcolabile. Stando a quanto ipotizzato da Aaron P. VanDevender e J. Pace VanDevender, ricercatori dei Sandia National Laboratories di Albuquerque, New Mexico, si tratterebbe di micro buchi neri, originati nelle fasi iniziale del Big Bang, caratterizzati da dimensioni talmente minime da poter essere rilevabili con grande difficoltà e da masse che, seppur enormi per le nostre concezioni,[…]

Read more

Ai confini primi e ultimi dell’universo

da  L’Osservatore Romano, 10 aprile 2011 Ai confini primi e ultimi dell’universo La scienza come esperienza religiosa Il centro pastorale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore ha ospitato una due giorni di studio sul tema della creazione. Pubblichiamo alcuni stralci di una delle relazioni. di Piergiorgio Picozza Per lo scienziato, dopo un primo momento in cui domina l’emozione della scoperta arriva il momento della riflessione sul ruolo dell’uomo in questo universo in cui noi ci sentiamo soli o solitari, guidati solo dalla nostra intelligenza. Scriveva il grande fisico Stephen Weinberg: “La terra è solo una piccolissima parte di un universo ostile[…]

Read more

Alla scoperta di altre Terre

Un nuovo sistema solare individuato dalla sonda Kepler da  L’Osservatore Romano, 5 febbraio 2011 di Maria Maggi C’è una stella simile al Sole, a 2000 anni luce di distanza da noi. Si chiama Kepler 11. Ci sono sei pianeti, che ruotano intorno ad essa. Cinque hanno dimensioni paragonabili alla Terra. La notizia ha acceso la fantasia della gente, che pensa ad altri mondi abitati, come quelli dei racconti di fantascienza e ipotizza il contatto con altre civiltà. La scoperta, annunciata dall’ultimo numero della rivista “Nature”, è stata fatta dalla sonda della Nasa Kepler. Lanciata nel febbraio di due anni fa,[…]

Read more