Il Miracolo e le apparizioni di Fatima, tra scienza e fede

Il Miracolo del sole di Fatima, e le apparizioni della Vergine, si verificarono 101 anni fa Nell’anno del 160mo anniversario delle apparizioni della Vergine nella grotta di Massabielle, a Lourdes, e della dichiarazione ufficiale del 70mo miracolo del Santuario, ricordiamo anche gli eventi prodigiosi di Fatima. La prima apparizione della Madonna ai tre pastorelli, di cui si è celebrato domenica scorsa l’anniversario, avvenne infatti il 13 maggio del 1917. Le apparizioni continuarono nei mesi successivi, il 13 di ciascun mese, alla presenza dei due fratelli Francisco e Giacinta Marco e della loro cugina Lucia dos Santos. Giacinta, la più piccola, all’epoca aveva[…]

Read more

Il Cardinale Caffarra: nessun conflitto tra fede e scienza

Tra religione e scienze non c’è uno scontro, ma differenti ambiti di competenze, spiegava infatti il porporato il 21 ottobre 2011 durante l’incontro per l’anno pastorale con i giovani delle parrocchie, dei movimenti e delle associazioni della Diocesi di Bologna. La catechesi dell’incontro era proprio sul tema della verità della Creazione, e della ragionevolezza della fede e della religione. Partendo dal Credo, Caffarra ricordava ai giovani e a tutti i credenti che la nostra esistenza non è casuale: “esistere per caso – spiegava infatti – significa che non c’è nessuna spiegazione del fatto che io esista; che ciascuno è il frutto[…]

Read more
nature communications brain observational learning

Neuroscienze: ecco come gli esseri umani imparano osservando

Lo spiega un recente studio sperimentale, realizzato da Michael R. Hill, Erie D. Boorman e Itzhak Fried, e pubblicato su Nature Communications martedì 6 settembre 2016. I ricercatori hanno individuato la regione del cervello umano dove i neuroni elaborano l’apprendimento osservazionale, nella corteccia cingolata anteriore. Precedentemente era già emerso quali siano le tre principali aree del cervello che analizzano e elaborano i processi sociali e di ricompensa che alla base dell’apprendimento sociale: l’amigdala, la corteccia prefrontale rostromediale, e la corteccia cingolata anteriore rostrale. Gli scienziati non avevano però capito in quali modi i singoli neuroni in queste aree determinino l’apprendimento[…]

Read more
Nature Video 2014

Auguri di Scienza da Nature, con i dieci animali più belli o interessanti del 2014

La rivista scientifica Nature ha scelto un modo divertente per fare ai suoi lettori gli auguri per il Natale e il passaggio dal 2014 al 2015, e ricordare idealmente un anno di scienza: il video Top 10 cutest animals in science in 2014, visibile sul canale YouTube Nature. Nel filmato è possibile osservare in azione i dieci animali più singolari, divertenti o belli da vedere, scoperti o comunque studiati in questo anno che si sta per concludere. Per dimostrare che si può raccontare la scienza non solo in modo serio, ma anche divertendo. In una sorta di classifica ideale, appaiono[…]

Read more
ESA Planck in the Space

Planck: riscrivere il Big Bang ?

L’Agenzia Spaziale Europea – ESA ha annunciato che dalle analisi effettuate su una nuova mappa dell’universo realizzata tramite il telescopio spaziale Planck Surveyor, potrebbe essere necessario ridefinire alcune questioni fondamentali della cosmologia, come la radiazione cosmica di fondo e il Big Bang. Jan Tauber, responsabile scientifico del progetto Planck, lo ha così spiegato “Si scopre che la maggior parte di questa immagine, la maggior parte di questa mappa, si adatta splendidamente al nostro semplice modello” cosmologico. Allo stesso tempo, continua, “qualcosa di ciò che stiamo trovando non è come ce lo saremmo aspettato, per quanto riguarda le caratteristiche dell’intero universo”[…]

Read more
ESA: Cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

ESA: la sonda Rosetta ha raggiunto la Cometa

L’ESA – Agenzia Spaziale Europea, ha annunciato in questi giorni la conclusione della fase di inseguimento della Cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko da parte della sonda Rosetta, lanciata oltre dieci anni fa. Il direttore generale dell’ESA, Jean-Jacques Dordain, ha dichiarato: “dopo dieci anni, cinque mesi e quattro giorni di viaggio verso la nostra destinazione, girando intorno al Sole cinque volte e percorrendo 6,4 miliardi di chilometri, siamo lieti di poter annunciare che finalmente siamo arrivati“, sottolineando come questa sia un progetto senza precedenti “la Rosetta europea è – infatti – la prima sonda spaziale della storia a incontrarsi con una cometa, un momento[…]

Read more