Corte di Cassazione

Sky: quando un licenziamento non ha fine

La vicenda del licenziamento illegittimo Sky di Paolo Centofanti. Era proprio in questi giorni, il 16 febbraio di tre anni fa, che si chiudeva definitivamente una delicata e drammatica vicenda lavorativa. Vicenda che vedeva ingiustamente coinvolto il nostro direttore, Paolo Centofanti. La Corte di Cassazione, infatti, terzo grado di giudizio e organo nomofilattico del nostro ordinamento, stabiliva inequivocabilmente che Sky Italia, licenziandolo 11 anni prima, aveva emesso un provvedimento illegittimo e immotivato. L’azienda, dopo le tortuose peripezie conseguenti all’obbligo di reintegra prescritto dall’allora, “ancora in auge” e “tanto vessato” articolo 18 della Legge 300/70, ha provveduto al ripristino del rapporto[…]

Read more

Nuove immagini dell’uragano Harvey

Una catastrofe che ha provocato finora oltre 44 vittime, due esplosioni di un impianto chimico a Houston, e sta contaminando anche l’acqua potabile: perché sostanze chimiche di questo e altre decine di impianti nell’area potrebbero invadere le tubature dell’acqua potabile, e contaminare sorgenti e acquedotti. Mentre decine di migliaia di persone sono state costrette ad evacuare le proprie abitazioni e a rifugiarsi nei quasi 250 centri di accoglienza predisposti per questa emergenza; oltre centomila abitazioni sono state danneggiate, e i danni, attuali e per il futuro, sono a dire poco incalcolabili. L’uragano Harvey, declassato a tempesta tropicale, come avvisano molti climatologi[…]

Read more
nature communications brain observational learning

Scienza: alcune notizie della settimana

Riprendiamo una consuetudine che avevamo qualche tempo fa, parlando brevemente di alcune delle principali novità, approfondendole successivamente quando di particolare interesse. Tra le prime notizie, di interesse certamente la ricerca pubblicata sul Journal of Alzheimer Disease, sviluppata confrontando immagini cerebrali di uomini e donne, realizzate tramite la tecnica di tomografia SPECT, ad emissione di singolo fotone. Ne è emerso che il cervello delle donne è maggiormente attivo di quello degli uomini, e che le donne sono dotate di maggior empatia e intelligenza emotiva, e di maggior autocontrollo. Altro interessante studio, approfondito in settimana da Paolo Centofanti, direttore SRM, mostra invece come anche[…]

Read more
galileo galilei

Scienza e fede: quattrocento anni dal Processo a Galileo Galilei

La ricorrenza del 5 marzo 2016, a quattrocento anni dal Decreto della Congregazione dell’Indice che sospendeva la pubblicazione del De revolutionibus Orbium Coelestium di Niccolò Copernico, che sosteneva la tesi di un sistema solare eliocentrico, con la Terra in orbita attorno al Sole, è uno dei momenti più emblematici delle difficoltà storiche nel rapporto tra religione e discipline scientifiche. Da alcuni è visto anche come uno dei momenti più drammatici, culminato nel processo a Gaileo Galilei. In realtà per l’epoca era un normale e inevitabile momento di riflessione e confronto dialettico, in una realtà storica e intellettuale che non aveva[…]

Read more
marte nasa jpl caltech

Nature: ritratto di Marte come un giovane pianeta

La scienza planetaria non ha ancora compreso in modo definitivo la storia dell’evoluzione geologica dei pianeti del nostro sistema solare. A partire dal 1958, le numerose missioni di esplorazione, dalle sonde fotografiche Ranger, Mariner, Surveyor, ai lander come Venera, Mars, Viking, Rosetta, ci hanno però aiutato in 58 anni ad avere maggiori dati scientifici e informazioni, consentendo di capire meglio le caratteristiche chimiche, fisiche e geologiche della Luna, e di pianeti come Venere, Giove, Saturno. Lo stesso problema si presenta per Marte, nonostante sia il pianeta più studiato e fotografato, e con più sonde sul proprio suolo. Ne parla un[…]

Read more
God and Stephen Hawking: Whose Design Is It Anyway? John C. Lennox

God and Stephen Hawking: Whose Design Is It Anyway?

Di John C. Lennox Nel suo libro, The Grand Design, il grande matematico e astrofisico britannico Stephen Hawking (cfr. SRM 1 – SRM 2 – SRM 3) aveva ipotizzato e soprattutto teorizzato la non necessità di un Dio Creatore per spiegare e giustificare l’Universo, la sua esistenza e le leggi che lo regolano. Una posizione concettuale ardita, se non estrema, non tanto per le affermazioni in sè, quanto, come hanno rilevato molti degli studiosi e pensatori  che hanno partecipato al dibattito intellettuale provocato dal libro, per la inevitabile non solidità e non inattaccabilità delle argomentazioni fisiche, logiche e concettuali.

Read more