Individuato il gene che controlla le cellule staminali nel cervello

Il gene COUP – TFIS, individuato da ricercatori dell’università di Torino, determina il modo in cui le cellule staminali producono neuroni o astrociti Nel caso in cui le cellule staminali producessero astrociti in eccesso, questo provocherebbe processi infiammatori. Che sono connessi a neuropatologie degenerative come l’Alzheimer. La scoperta è stata pubblicata in queste settimana su Cell Reports, nell’articolo Neuron Astroglia Cell Fate Decision in the Adult Mouse Hippocampal Neurogenic Niche Is Cell Intrinsically Controlled by COUP-TFI In Vivo. Pubblichiamo integralmente nota ufficiale dellìuniversità degli Studi di Torino. La ricerca è stata guidata da guidato dalla professoressa Silvia De Marchis del NICO[…]

Read more
Rhinos Murchison Falls National Park, Uganda

Nature: Embrioni ibridi per salvare rinoceronti in estinzione

Gli embrioni ibridi sono stati prodotti in laboratorio, per salvare alcuni geni del rinoceronte bianco settentrionale Ne parla Nature Communications, nell’articolo del 4 luglio 2018 Embryos and embryonic stem cells from the white rhinoceros – Embrioni e cellule staminali embrionali da rinoceronte bianco. Per gli autori che lo hanno realizzato, lo studio potrebbe offrire l’opportunità di salvare il rinoceronte bianco settentrionale, NWR – Northern white rhino. O almeno salvarne alcune caratteristiche, conservandone parte del genoma attraverso gli embrioni ibridi. Questo tipo di rinoceronte è infatti il mammifero più minacciato di estinzione al mondo. Attualmente vi sono solo due femmine della specie[…]

Read more

Nature: embrioni artificiali da cellule staminali

Strutture simili ad embrioni derivate da cellule staminali: obiettivi e implicazioni etiche Una sperimentazione destinata a far discutere, mettendo a confronto differenti visioni etiche della ricerca scientifica. Le strutture cellulari, si legge sull’articolo pubblicato da Nature questa settimana, ricordano embrioni ai primi giorni di vita. Sono state però sviluppate in vitro, con cellule staminali di topo. Una volta impiantate in utero, queste strutture in realtà non evolvono in embrioni maturi. La loro utilità spiega l’articolo, sta nel creare “un modello di coltura precoce della cellula”, e nel “far luce sui processi chiave che stanno alla base di questo periodo cruciale della[…]

Read more
accademia nazionale dei lincei

Lincei: le cellule staminali per la cura di patologie neurodegenerative

L’evento che si svolgerà a Roma questa settimana conclude ufficialmente il Consorzio Neurostemcellrepair. Istituito dal 1 ottobre 2013 al 30 settembre 2017 e finanziato dall’Unione Europea, il consorzio ha l’obiettivo di arrivare definitivamente all’utilizzo clinico di cellule staminali nella cura di malattie neurodegenerative. Con il titolo Stem Cells for Neurodegenerative Diseases – Cellule staminali per le malattie neurodegenerative, l’evento si svolgerà martedì 26 settembre 2017 nella sede dell’Accademia Nazionale dei Lincei. L’incontro inizierà con i saluti della biologa e farmacologa Elena Cattaneo, che introdurrà le due sessioni della giornata. Nella sessione del mattino, presieduta dalla stessa Elena Cattaneo, docente all’università degli[…]

Read more
dna

Il Progetto Genoma e gli scienziati che vogliono riscrivere il dna umano

In un articolo apparso pochi giorni fa sulla rivista scientifica Science, venticinque studiosi, tra cui genetisti e biologi molecolari, propongono infatti di studiare come modificare il nostro dna, per prevenire ad esempio patologie gravi o incurabili; oppure creare anche dna sintetico, in modo da coltivare in vitro cellule staminali, o far crescere interi organi da utilizzare poi per trapianti, sopperendo così alla carenza di organi trapiantabili, e togliendo ogni eventuale rischio di rigetto. Una proposta che ovviamente è destinata a far discutere, sia per le implicazioni etiche di un tale progetto, sia per quelle scientifiche, con il rischio anche di[…]

Read more