L’oggetto interstellare è materia oscura ?

Questa l’ipotesi avanzata da alcuni ricercatori dell’università di Stanford, California, e pubblicata sul sito arXiv. L’articolo è firmato da David Cyncynates, Emanuela Dimastrogiovanni, Saurabh Kumar, Jagjit Sidhu, Glenn D. Starkman. Per gli studiosi, l’asteroide interstellare Oumuamua potrebbe essere composto di materia oscura, super densa. Al punto che il suo transito tra la Terra e il pianeta Mercurio potrebbe determinare una deviazione di circa dieci metri dell’orbita di Mercurio stesso. Il corpo celeste è stato individuato il 19 ottobre scorso dal telescopio Pan – STARRS 1, situato nelle isole Hawaii. David Cyncynates e i suoi colleghi hanno spiegato che Oumuamua “è generalmente considerato un oggetto[…]

Read more

Le meridiane a Roma e in Vaticano

La Meridiana della Torre dei Venti in Vaticano e quella Clementina sono due esempi del modo in cui a Roma e in Vaticano si sia studiata e praticata l’astronomia fin da molti secoli fa, e come questa abbia determinato anche il modo di fare arte e architettura: meridiane, osservatori, fori stenopeici, allineamenti astronomici nelle basiliche romane, sono alcuni esempi pratici di questa realtà scientifica, storica e culturale. L’astronomo Costantino Sigismondi lo scorso 17 maggio, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma ha presentato il numero 7 della rivista Gerbertus, dedicata a papa Silvestro II – Gerbert[…]

Read more

Un asteroide in transito tra la terra e la luna

Ha un diametro di circa trenta metri l’asteroide denominato 2014 DX110, transitato questa notte, evidentemente senza alcun danno, ad una distanza prevista in 350.000 chilometri, inferiore del 10 per cento a quella di 384.403 chilometri tra la Terra e la Luna.Come previsto dagli astronomi, non vi erano rischi di collisione con il nostro pianeta, e non vi sono quindi stati impatti né contatto con l’atmosfera, diversamente da quanto avvenuto ad esempio il 15 febbraio dello scorso anno, quando un meteoroide imprevisto, poi catalogato come KEF-2013, con una massa valutata dall’Accademia Russa delle Scienze di 10.000 tonnellate, e una velocità stimata dall’Agenzia Spaziale Russa di 30[…]

Read more

Il transito di Venere del 2012 e l’anniversario di Gian Domenico Cassini

Il transito del pianeta Venere davanti al Sole, l’anniversario dell’astronomo Gian Domenico Cassini (cfr. SRM) e, come spiega il sottotitolo dell’evento, le relative implicazioni scientifiche, storiche e religiose, sono al centro di questa conferenza che il prof. Costantino Sigismondi, astrofisico presso l’Università La Sapienza di Roma, terrà presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum per il modulo Scienziati e credenti, del Master in Scienza e Fede. L’incontro si svolgerà martedì 16 ottobre 2012 dalle ore 17.10 alle ore 18.40 presso l’Aula Magna dell’Università.Link conferenze

Read more

Il CERN e i Laboratori Nazionali di Fisica Nucleare del Gran Sasso confermano: un nuovo neutrino mutato

Durante la 25a Conferenza Internazionale sulla Fisica del Neutrino a Kyoto, in Giappone, Il CERN – European Organization for Nuclear Research, e l’INFN/LNGS, Laboratori Nazionali di Fisica Nucleare del Gran Sasso, hanno ufficialmente annunciato di aver verificato una nuova oscillazione di un neutrino da mu a tau. È la seconda volta che in un fascio di neutrini allo stato mu, lanciato dal CERN a Ginevra, in Svizzera, durante il loro transito tra i rivelatori del Progetto Opera, situato presso i Laboratori del Gran Sasso e appositamente realizzato per analizzare tali mutazioni, uno dei neutrini assume invece uno stato tau. I[…]

Read more

Alla scoperta di altre Terre

Un nuovo sistema solare individuato dalla sonda Kepler da  L’Osservatore Romano, 5 febbraio 2011 di Maria Maggi C’è una stella simile al Sole, a 2000 anni luce di distanza da noi. Si chiama Kepler 11. Ci sono sei pianeti, che ruotano intorno ad essa. Cinque hanno dimensioni paragonabili alla Terra. La notizia ha acceso la fantasia della gente, che pensa ad altri mondi abitati, come quelli dei racconti di fantascienza e ipotizza il contatto con altre civiltà. La scoperta, annunciata dall’ultimo numero della rivista “Nature”, è stata fatta dalla sonda della Nasa Kepler. Lanciata nel febbraio di due anni fa,[…]

Read more