La scienza e l'europa

Libri: La scienza e l’Europa

Oggi parliamo del volume di Pietro Greco sulla scienza in Europa nel primo Novecento. Il libro La scienza e L’Europa. Il Primo Novecento, dedicato alla ricerca scientifica agli inizi dello scorso secolo, continua la serie inaugurata con i tre titoli omologhi precedenti. Il primo: Dalle Origini al XIII Secolo, pubblicato nel 2014. Quello su Il Rinascimento, del 2015. E il penultimo sul periodo Dal Seicento all’Ottocento, pubblicato nel 2016. In questo nuovo libro, Greco descrive un periodo di grande crescita e sviluppo della scienza europea. Seguito purtroppo da quello che definisce invece un periodo disastroso, in cui l’Europa perde il proprio ruolo preminente[…]

Read more
lourdes Madonna grotta massabielle

Scienza e fede: nuovo miracolo a Lourdes ? Bimba sorda recupera l’udito

La notizia è stata data questa settimana dall’Unitalsi: mercoledì 11 maggio 2016 una bambina di 6 anni, sofferente di sordità dalla nascita, avrebbe improvvisamente recuperato l’udito, perso conseguentemente alle complicazioni di un parto prematuro, e alle terapie urgenti che le avevano causato emorragie cerebrali, e danneggiato i canali uditivi in modo apparentemente irreparabile. Il momento della guarigione, che potrebbe essere eccezionale anche nel caso non fosse miracolosa a tutti gli effetti, è stato descritto da un testimone oculare, Giuseppe Secondi, presidente della sottosezione Unitalsi di Milano sud ovest e direttore del pellegrinaggio: “Sono le 20.30 e stavamo giocando con la[…]

Read more

La bellezza della conoscenza “inutile”

Pubblichiamo, cortesia L’Osservatore Romano , articolo di Guy J. Consolmagno, astronomo della Specola Vaticana, il quale spiega le ragioni dell’essere, ieri come oggi, sacerdote e scienziato.Vi spiego perché alcuni gesuiti diventano astronomiLa bellezza della conoscenza “inutile”Come gesuita all’Osservatorio astronomico vaticano vivo in comunità con i miei confratelli astronomi. Il mondo dell’astronomia è un microcosmo che riflette il modo in cui troviamo le motivazioni per svolgere attività che non comportano profitti evidenti, in termini di finanza o di potere. Non c’è alcun vantaggio evidente, ad esempio, nella conoscenza della gamma dei cluster (grappoli) di stelle. Dove dunque noi astronomi troviamo la[…]

Read more

Creazione e Redenzione

Una tavola rotonda ad Assisi, il 1 Marzo 2011, per confrontarsi sui temi dell’evoluzione, delle teorie scientifiche e del loro possibile armonizzarsi con l’interiorità umana, il senso religioso, la difesa del creato, la redenzione dell’essere umano. Con Fabio Caporali, Università della Tuscia, Viterbo; Lodovico Galleni, Università di Pisa; Pietro Maranesi, Direttore Istituto di Scienze Religiose, Assisi, Perugia; Padre Luis Oviedo Torrò ofm, Pontificia Università Antonianum, Roma; Silvana Procacci, Università di Perugia; Moderatore. L’evento è promosso da Etruscan Local Group (Metanexus Institute, PA, USA), con la collaborazione delle Università di Perugia, Pisa e della Tuscia, dell’Istituto di Scienze Religiose di Assisi,[…]

Read more

Darwin, Teilhard de Chardin e gli altri Le tre teorie dell’evoluzione

Parlare di Evoluzione oggi tra natura e cultura Questo il titolo della giornata di studio organizzata a Perugia il 2 Marzo 2011 per presentare il libro omonimo del prof. Ludovico Galleni (Università di Pisa):  Teilhard de Chardin e gli altri… Le tre teorie dell’evoluzione, pubblicato da Felice Editore. Partecipano l’autore, il prof. Carlo Vinti dell’Università di Perugia; il prof. Carlo Cirotto, Università di Perugia, Presidente Nazionale del Meic; il prof. Gianluigi Cardinali, Università di Perugia; il prof. Roberto Battiston, Università di Perugia; il prof. Aurelio Rizzacasa, Università di Perugia; il prof. P. Rafael Pascual, Pontificia Università Regina Apostolorum; la prof.ssa[…]

Read more

Il gesuita che inventò l’astrofisica

da L’Osservatore Romano, 21  novembre 2008 Il gesuita che inventò l’astrofisica Padre Angelo Secchi e il primo meridiano d’Italia di Tullio Aebischer Roma è un tesoro di arte e custodisce vestigia antichissime, ma meno conosciuto è l’aspetto di città dedita alla scienza, e in particolare astronomica e geodetica. Sin dal XVII secolo sui palazzi delle famiglie nobili e sui conventi c’erano luoghi di osservazione del cielo, le specole. Uno di questi, la Torre dei Venti, si trova ancora oggi sui Palazzi Apostolici e fu resa famosa dalle prime discussioni sulla riforma del calendario di Papa Gregorio XIII. In questa attività[…]

Read more