iv convegno nazionale centro spagnolo sindonologia

Sindone: il convegno del Centro Spagnolo di Sindonologia

Sabato 10 e domenica 11 di ottobre 2015 si è svolto in Spagna, nelle città di Cordoba e Cabra, il IV Convegno Nazionale del Centro Spagnolo di Sindonologia – CES  Centro Español de Sindonología, associazione culturale spagnola che si propone di studiare la Sindone di Torino, e altre reliquie che siano studiabili scientificamente. Nel corso dell’incontro, promosso dalla Delegazione Andalusa del CES sul tema I Teli di Cristo. Passione, Storia, Arte e Scienza, sono stati anche presentati gli studi più recenti sul Sacro Telo e sul Sudario di Oviedo. Dopo i saluti del presidente del Centro e del responsabile del[…]

Read more
sindone amore piu grande

Sindone tra fede e scienza, due convegni a Mondovì

Due convegni di approfondimento sulla Sacra Sindone, tra marzo e aprile, vedranno gli interventi dei sindonologi professor Bruno Barberis, direttore del Centro Internazionale di Sindonologia di Torino, di monsignor Giuseppe Ghiberti, presidente della Commissione Diocesana torinese per la Sindone, e del dottor Gian Maria Zaccone, vicedirettore del Centro Internazionale di Sindonologia e direttore del Museo della Sindone di Torino. I relatori, tra i maggiori esperti e studiosi del Sacro Telo, affronteranno le più rilevanti questioni scientifiche, teologiche e storiche connesse alla Sindone, tra scienza e fede: dalle sue prime notizie nel Medioevo, alla riflessione teologica e le posizioni del Magistero della Chiesa,[…]

Read more
L'Amore più grande Sindone 2015

Zaccone: la Sindone tra storia, scienza e fede

In preparazione all’Ostensione Ufficiale della Sindone, la Diocesi di Ivrea, in collaborazione con istituzioni comunali e parrocchie locali, promuove un programma di otto incontri vicariali sul territorio, per conoscere e riflettere sul Telo Sindonico, con lo storico Gian Maria Zaccone, vicedirettore del Centro Internazionale di Sindonologia e direttore del Museo della Sindone di Torino. Con il titolo La Sindone: storia, scienza e fede, l’evento vedrà il professor Zaccone affrontare le principali questioni storiche e scientifiche sul Telo sindonico, in un excursus storico dalle prime notizie sulla Sindone, agli studi sperimentali e le ipotesi scientifiche più recenti. Questo il programma degli[…]

Read more
Volto Sacra Sindone

Lo studio della Sindone in un Diploma in Studi Sindonici

La Sindone non è solo un oggetto di fede e devozione, è anche un mistero irrisolto per gli scienziati, e un simbolo quindi del necessario e inscindibile rapporto tra scienza e religione. La necessità di uno studio sistematico sul Sacro Telo e sulle questioni scientifiche e teologiche che suscita da secoli, sono alla base di un Diploma di specializzazione in Studi Sindonici, promosso dall’Istituto Scienza e Fede dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, con la collaborazione di Othonia, Centro Internazionale di Sindonologia di Torino e Centro Diocesano di Sindonologia Giulio Ricci di Roma, e che partirà anche nel nuovo Anno Accademico 2014[…]

Read more

Un Diploma in Studi Sindonici

Anche per l’Anno Accademico 2012-2013 l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum presenta una nuova edizione del Diploma di specializzazione in Studi Sindonici, promosso dall’Istituto Scienza e Fede e da Othonia, in collaborazione con il Centro Internazionale di Sindonologia di Torino e con il Centro Diocesano di Sindonologia Giulio Ricci di Roma.Il percorso formativo, tenuto da alcuni tra i più conosciuti esperti della Sindone vuole offrire una visione complessiva e interdisciplinare del mistero e della realtà storica e scientifica del Sacro Telo. Saranno quindi affrontati temi quali il rapporto tra Sindone, scienza, e teologia, nei corsi La scienza e la teologia di fronte[…]

Read more

La “Sindone di Giotto”: un “caso mediatico” ?

Luciano Buso, pittore autodidatta e restauratore, si dichiara convinto che la Sindone custodita nel Duomo di Torino sia opera di Giotto, come attesterebbero numerose “firme” identificate dallo stesso Buso su immagini del telo, e utilizzate da Giotto per autenticare le proprie opere e proteggere il proprio lavoro dai falsari. Una tesi ripresa in un suo libro, presentato nello stesso periodo in cui l’artista ha svelato questa sua presunta scoperta.Il Prof. Gian Maria Zaccone, Direttore del Museo della Sindone, ha disconfermato l’ipotesi e la sua scientificità, una notizia apparsa su La Repubblica.

Read more