Scienza, fede, ragione, informazione. Direttore Paolo Centofanti

News 2020, News agosto 2020

ESO: la prima immagine di un sistema multi pianeta attorno a una stella

L’ESO – European Southern Observatory, ha pubblicato la prima immagine in assoluto di un sistema multi pianeta orbitanti attorno a una stella simile al nostro sole.

Le immagini di questa giovane stella simile al nostro Sole, attorno alla quale orbitano due esopianeti giganti, sono state realizzate dal VLT – Very Large Telescope dell’ESO. Utilizzando lo strumento Sphere – installato sul VLT – che  blocca la luce intensa della stella tramite un dispositivo chiamato coronagraph, grazie al quale è possibile vedere i pianeti più difficilmente visibili. Come spiega lo European Southern Observatory “le immagini di sistemi con più esopianeti sono estremamente rare”, e ad oggi “gli astronomi non avevano mai osservato direttamente più di un pianeta in orbita attorno a una stella simile al Sole”. Queste osservazioni astronomiche sono utili anche per capire il processo di formazione dei pianeti. In particolare dei pianeti del nostro sistema solare.

Il sistema planetario, denominato TYC 8998-760-1, si trova a circa 300 anni luce di distanza da noi. “Questa scoperta è un’istantanea di un ambiente molto simile al nostro Sistema solare, ma in una fase molto precedente della sua evoluzione”. Così l’ha descritta Alexander Bohn – studente di dottorato alla Leiden University in Olanda – che ha guidato questa ricerca, pubblicata in The Astrophysical Journal Letters. Bohnha anche affermato che “la possibilità che strumenti futuri, come quelli disponibili sull’ELT, saranno in grado di rilevare anche pianeti di massa inferiore attorno a questa stella segna un’importante pietra miliare nella comprensione dei sistemi multi pianeta, con potenziali implicazioni per la storia del nostro proprio sistema solare.”

Matthew Kenworthy, professore associato alla Leiden University e co-autore dello studio, ha spiegato che “anche se gli astronomi hanno rilevato indirettamente migliaia di pianeti nella nostra galassia, solo una piccola parte di questi esopianeti è stata fotografata direttamente”. E che “le osservazioni dirette sono importanti nella ricerca per ambienti in grado di supportare la vita “. Mentre Maddalena Reggiani, ricercatrice post-dottorato di KU Leuven, Belgio, tra i ricercatori autori di questo studio, ha spiegato che il gruppo di studiosi “è stato ora in grado di catturare la prima immagine di due compagni giganti di gas che stanno orbitando attorno a un giovane analogo solare”.

I due esopianeti giganti gassosi sono molto più pesanti di quelli del nostro Sistema Solare, Giove e Saturno. Il pianeta con l’orbita più interna ha 14 volte la massa di Giove e quello con l’orbita più esterna sei volte. Inoltre i due esopianeti orbitano attorno alla loro stella a distanze di 160 e circa 320 volte la distanza tra la nostra Terra e il nostro Sole. Su orbite quindi molto più lontano rispetto ai giganti gassosi del nostro sistema solare, Giove e Saturno. Che orbitano invece a una distanza dal sole di 5 e 10 volte la distanza Terra – Sole, rispettivamente.

Lascia una risposta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: