Nature: astronomia, tracciati nuovi misteriosi fast radio burst

I nuovi fast radio burst, molto intensi e della durata di millisecondi, sono stati tracciati in una galassia massiccia situata a circa 3,6 milioni di anni luce  dalla nostra. La scoperta è stata pubblicata online questa settimana dalla rivista scientifica Nature. I fast radio burst sono impulsi ultraveloci di onde radio. La causa di questi impulsi radio ad oggi non è stata definita, così come la loro reale origine. Gli scienziati hanno finora ipotizzato che arrivino da galassie lontane, ma la estrema brevità degli impulsi radio rende difficile determinarlo con certezza. Come spiega l’articolo Nature, mentre sono state formulate differenti[…]

Read more

Immagine del giorno: Chandra rileva un’espulsione di massa coronale da un’altra stella

In questa immagine pubblicata dalla Nasa, la ricostruzione artistica di un rilevamento di espulsione di massa coronale da una stella, effettuato dal telescopio a raggi x Chandra. Questa è la prima espulsione di massa coronale – definita più frequentemente con l’acronimo CME da Coronal Mass Ejection – rilevata su di una stella al di fuori del nostro sistema solare. Le Cme sono fenomeni solari potenti e estremi, e si verificano appunto nella corona, l’atmosfera esterna di una stella. Sono tipici pure del nostro Sole, e sono osservabili in modo semplice – schermando con opportuni accorgimenti per evitare gravi danni alla[…]

Read more
Nasa 60 anni

La Nasa festeggia 60 anni parlando di aeronautica

L’aeronautica è nel dna della Nasa, nella ragione che ha portato alla sua creazione, e nel suo stesso nome. L’acronimo NASA sta infatti per National Aeronautics and Space Administration – Ente Nazionale per le attività Spaziali e Aeronautiche. Questa agenzia governativa deriva dal National Advisory Committee for Aeronautics. Una commissione istituita nel 1915 negli Stati Uniti per “supervisionare e dirigere lo studio scientifico dei problemi del volo”. Possiamo dire che siano quindi più di cento anni che la Nasa si occupa dell’aeronautica e di tutte le questioni tecnologiche connesso al volo. Dagli inizi del ventesimo secolo ad oggi, l’industria aeronautica – civile[…]

Read more

In memoria di Bruce McCandless: fu il primo a volare liberamente nello spazio

A distanza di un anno dalla scomparsa di Scott Glenn, pioniere nell’esplorazione spaziale, uomo di fede e scienza, due giorni fa ci ha lasciato anche un altro astronauta che ha fatto la storia dell’esplorazione spaziale. Bruce McCandless, ingegnere e pilota della Marina degli Stati Uniti, nel 1984 è stato infatti il primo uomo ad effettuare una EVA, attività extraveicolare definita come untethered, ovvero senza alcun cavo o altri sistemi di sicurezza che lo agganciassero allo Space Shuttle Challenger della missione STS 41 B. La Nasa, l’agenzia spaziale statunitense, ha pubblicato su YouTube un video – visibile qui nell’articolo – per ricordare McCandless e lo storico momento[…]

Read more

Il medico di Lourdes racconta esperienze di pre morte, tra fede e scienza

Patrick Theillier, come uomo e come scienziato, ha esperienza diretta di miracoli, per averli studiati e in alcuni casi accertati e certificati. Dal 1998 al 2009 è stato infatti medico capo del Bureau des Constatations Médicales – Ufficio delle Constatazioni Mediche del santuario di Lourdes. Il Bureau si occupa appunto di valutare guarigioni potenzialmente miracolose avvenute a Lourdes, e eventualmente confermarle o disconfermarle come tali. Attività in cui la scienza, principalmente la medicina, arriva in aiuto della fede, anziché negarla a priori come ipotizzerebbero alcuni atei. In questo volume, Quando la mia anima uscì dal corpo. Un medico racconta le[…]

Read more
fecondazione assistita

La questione della cosiddetta fecondazione assistita

Un incontro all’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, promosso dal Master in Scienza e Fede, per capire meglio quali siano tecnologie e procedure dietro le tecniche per la procreazione medicalmente assistita, o PMA; quale siano le possibili implicazioni dal punto di vista medico, etico e bioetico; quale sia il punto di vista del Magistero della Chiesa Cattolica. Dal punto di vista medico – biologico, le tecniche di PMA sono definite in due macro categorie o livelli: un 1 livello più simile alla procreazione naturale, che prevede la manipolazione dei gameti, e la fecondazione all’interno del corpo della donna. Il 2 livello, più[…]

Read more
titulus crucis

I Vangeli e il Titolo della Croce

Il Titolo della Croce, in base al testo del Vangelo di Giovanni (Gv 19, 19-20), è la tavoletta collocata al di sopra della croce stessa, con scritto l’acronimo INRI, ovvero Gesù Nazareno Re dei Giudei – in latino Jesus Nazarenus Rex Judaeorum. La scritta era obbligatoria, per la legge romana, per indicare le ragioni della condanna. I quattro Vangeli non sono univoci nel parlarne, e ad esempio solo in Giovanni appare la parola Nazoreo, che è stata interpretata storicamente e filologicamente in vari modi. Nella Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, a Roma, si conserva una reliquia di legno di[…]

Read more

Costantino Sigismondi: Papa Benedetto XVI come Silvestro II

L’irruzione mediatica e telematica di Papa Benedetto XVI sulla Stazione Spaziale Internazionale, ha spiegato l’astrofisico Sigismondi, professore all’Università La Sapienza di Roma,  non dovrebbe sorprendere nemmeno i non esperti della storia della Chiesa e dei suoi Papi: non è infatti solo totalmente coerente con il Magistero del Santo Padre, con i suoi insegnamenti da docente universitario, e in continuità con il Magistero di Papa Giovanni Paolo II. Si riallaccia anzi a una tradizione millenaria, che mille anni fa 999 ha visto anche Silvestro II (Gerberto d’Aurillac) porsi allo stesso tempo come uomo di fede e uomo di scienze, astronomo e[…]

Read more

Einstein Telescope: per ascoltare le onde gravitazionali

Un progetto europeo, coordinato dallo European Gravitational Observatory: un enorme radiotelescopio, in gran parte sotterraneo, che permetterà di studiare le onde gravitazionali. Presentato ufficialmente il 20 maggio scorso a Cascina, Pisa, con il suo acronimo ET, vede la partecipazione anche dell’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare). Come ha affermato il prof. Michele Punturo (INFN), “grazie alla sua estrema sensibilità alle basse frequenze” il progetto Einstein Telescope “permetterà di osservare con regolarità le onde gravitazionali inaugurando così l’era di un nuovo tipo di astronomia, l’astronomia gravitazionale”; una svolta che per lo studio dell’universo costituisce “una vera e propria rivoluzione scientifica”. Link[…]

Read more