Cervello: la nostra memoria cambia con il modo in cui impariamo

Lo spiega uno studio pubblicato su Nature Communications: i percorsi neurali del nostro cervello, quando impariamo qualcosa di nuovo, cambiano in base al modo in cui impariamo. Lo studio, realizzato da ricercatori dell’università di Oxford, Gran Bretagna, è stato pubblicato il 20 ottobre 2019 su Nature Communications volume 10, 4835, con il titolo Multiple associative structures created by reinforcement and incidental statistical learning mechanisms. Strutture associative multiple create da rinforzi e meccanismi di apprendimento statistico incidentale. La ricerca è stata condotta da studiosi del Dipartimento di Psicologia Sperimentale, del Wellcome Center for Integrative Neuroimaging – WIN, e del Dipartimento di[…]

Read more

Scienza, fede e salute: la religione aiuta a vivere di più e meglio ?

Lo mostrerebbe uno studio realizzato da ricercatori della Emory Rollins School of Public Health, pubblicato su Plos One con il titolo Religion, a social determinant of mortality? A 10 year follow-up of the Health and Retirement Study – Religione, un determinante sociale della mortalità? Un follow up di 10 anni dello studio sulla salute e sul pensionamento. La ricerca è durata 10 anni, dal 2004 al 2014, e ha coinvolto 18.370 cittadini statunitensi di età pari o superiore ai 50 anni, intervistati durante tutto il periodo dell’indagine. Praticare una religione ridurrebbe il rischio mortalità del 40%, e porterebbe ad avere uno stile[…]

Read more
nature communications brain observational learning

Scienza: alcune notizie della settimana

Riprendiamo una consuetudine che avevamo qualche tempo fa, parlando brevemente di alcune delle principali novità, approfondendole successivamente quando di particolare interesse. Tra le prime notizie, di interesse certamente la ricerca pubblicata sul Journal of Alzheimer Disease, sviluppata confrontando immagini cerebrali di uomini e donne, realizzate tramite la tecnica di tomografia SPECT, ad emissione di singolo fotone. Ne è emerso che il cervello delle donne è maggiormente attivo di quello degli uomini, e che le donne sono dotate di maggior empatia e intelligenza emotiva, e di maggior autocontrollo. Altro interessante studio, approfondito in settimana da Paolo Centofanti, direttore SRM, mostra invece come anche[…]

Read more

Nuova udienza giovedì per valutare le cure sperimentali per il piccolo Charlie

Sarà necessario aspettare fino a giovedì 13 luglio per sapere la decisione dell’Alta Corte britannica sul caso che sta scuotendo il mondo. “Esaminerò il caso giovedì di questa settimana e potrei essere in grado di risolverlo. Oppure no”, così ha dichiarato il giudice Nicholas Francis, che si è occupato in questi mesi della vicenda giudiziaria del piccolo Charlie. Proprio tale continuità è stata al centro di una delle obiezioni avanzate dai genitori del bimbo, Chris Gard e Connie Yates, che in udienza hanno chiesto la possibilità di portare il proprio figlio all’estero, per poterlo sottoporre a terapie sperimentali. A fronte anche[…]

Read more

Charlie: per l’ospedale di Londra giusto tentare la cura

Il Great Ormond Street Hospital ha ricevuto e esaminato il protocollo di cure sperimentali elaborato dall’equipe internazionale coordinata dal Bambin Gesù. Ha quindi deciso chiedere all’Alta Corte di Giustizia una nuova udienza, che avrà luogo lunedì 10 luglio 2017, e di riesaminare quindi il caso del piccolo Charlie Gard, “alla luce delle richieste relative a possibili altri trattamenti”. “Siamo molto soddisfatti – ha commentato Connie Yates, madre del bimbo britannico – fiduciosi che Charlie possa avere la sua chance ora”. Arriva quindi, per Charlie Gard e per i suoi genitori, una nuova possibilità di sbloccare la drammatica situazione. Mentre La Santa[…]

Read more
cervello

Il nostro cervello cresce anche da adulti

Del resto lo spiegava già la neurologa premio Nobel Rita Levi Montalcini, quando parlava della plasticità cerebrale, ovvero la capacità dell’encefalo di modificare, almeno in parte,la propria struttura e le proprie funzioni, non solo negli embrioni mentre si sviluppavano, ma anche negli adulti, e non solo in giovane età. In questo caso un recente studio realizzato in California, Stati Uniti, da un gruppo di studiosi della Stanford University, mostrerebbe come anche le aree cerebrali delegate alla memorizzazione e riconoscimento dei volti, continuano a svilupparsi in età adulta. Proprio da adulti infatti la capacità di riconoscimento dei visi cresce e diventa più[…]

Read more
cervello

CNR: Dimostrato il legame tra comportamenti antisociali e sviluppo cerebrale

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche nelle scorse settimane ha annunciato uno studio internazionale, promosso e finanziato in Gran Bretagna dal Wellcome Trust e Medical Research Council. Realizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, e condotta presso le Università di britanniche di Cambridge e Southampton, la ricerca mostrerebbe quanto sia determinante lo sviluppo cerebrale nei disturbi del comportamento sociale. Questo tipo di grave patologia neuropsichiatrica è “caratterizzato da estrema aggressività, uso ripetuto di armi e droghe e comportamenti menzogneri e fraudolenti”. Lo studio si spera aiuterà a verificare e adeguare le terapie specifiche per questo tipo di[…]

Read more
lourdes Madonna grotta massabielle

Scienza e fede: nuovo miracolo a Lourdes ? Bimba sorda recupera l’udito

La notizia è stata data questa settimana dall’Unitalsi: mercoledì 11 maggio 2016 una bambina di 6 anni, sofferente di sordità dalla nascita, avrebbe improvvisamente recuperato l’udito, perso conseguentemente alle complicazioni di un parto prematuro, e alle terapie urgenti che le avevano causato emorragie cerebrali, e danneggiato i canali uditivi in modo apparentemente irreparabile. Il momento della guarigione, che potrebbe essere eccezionale anche nel caso non fosse miracolosa a tutti gli effetti, è stato descritto da un testimone oculare, Giuseppe Secondi, presidente della sottosezione Unitalsi di Milano sud ovest e direttore del pellegrinaggio: “Sono le 20.30 e stavamo giocando con la[…]

Read more