Scienza e fede: Newsletter SRM n.161

Riprendiamo da questo mese a pubblicare con l’Istituto Scienza e Fede dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum le Newsletter SRM, con le principali e più rilevanti notizie sui temi del rapporto tra scienza e fede. La Newsletter sarà come di consueto visibile in formato html su queste pagine, oppure potete riceverla in formato pdf, iscrivendovi dal link e form Newsletter, oppure inviandoci una email di richiesta agli indirizzi indicati in questo articolo e sui contatti nelle pagine di questo giornale. Paolo Centofanti, direttore SRM – Science and Religion in Media, direttore Fede e Ragione. Newsletter SRM n.161 Gran Bretagna: più fiducia nelle[…]

Read more

Scienza e fede: Gran Bretagna, più fiducia nelle scienze, meno nella religione

I cittadini britannici stanno diventando più fiduciosi nella scienza, e meno credenti. Aumenta però la tolleranza verso il credo religioso. Emerge dal sondaggio British Social Attitudes – Attitudini sociali britanniche numero 36, realizzato dal 1983 nel Regno Unito dal National Centre for Social Research. I ricercatori intervistano annualmente oltre 3.000 cittadini britannici, sulle seguenti aree tematiche: fede e religione; scienza; donne e lavoro; relazioni e identità di genere. La metodologia prevede la possibilità di cambiare il modo in cui sono formulate le domande, conservando però la continuità con i temi affrontati negli anni. In questo modo è possibile tracciare i[…]

Read more
World Oceans Day

Oggi è il World Oceans Day, la giornata mondiale degli Oceani

Celebriamo il World Oceans Day, per difendere il mare dall’inquinamento e dallo sfruttamento economico e senza regole Eventi in tutto il mondo oggi, venerdì 8 giugno 2018, per la giornata mondiale degli Oceani di cui vi  avevamo parlato lunedì scorso. Il tema di quest’anno è Prevenire l’inquinamento plastico e incoraggiare soluzioni per un oceano sano. La plastica è una delle maggiori causa di inquinamento, diretto e indiretto, dei nostri oceani. Oltre al danno di depositarsi su spiagge e fondali, rovinando la bellezza del mare e dei suoi paesaggi, viene ingerita dai grandi mammiferi marini, portandoli quasi sempre alla morte. Frammentata e scomposta[…]

Read more

Sondaggi: per la maggioranza degli italiani scienza e fede non sono in conflitto

Tra i numerosi sondaggi realizzati nel nostro paese, una recente indagine commissionata dalla Scuola Internazionale Superiore per la Ricerca Interdisciplinare – SISR,I a Format Reasearch, mostrerebbe come la maggior parte degli italiani non vedano la necessità di un conflitto tra fede e scienza, in particolare nelle questioni scientifiche fondamentali, come l’origine dell’universo e della vita, e lo sviluppo dei viventi. Sorprendenti i risultati del sondaggio, il primo nel suo genere nel nostro Paese, che pone a confronto cultura scientifica e fede religiosa degli italiani attraverso l’esplorazione di due temi paradigmatici come l’origine dell’uomo e quella dell’universo: il presunto conflitto tra[…]

Read more
evoluzione

Israele: nelle scuole verrà insegnata la teoria dell’evoluzione

Dal prossimo anno scolastico 2014-2015, nella scuole israeliane verrà insegnata la teoria dell’evoluzione. Il ministro dell’educazione, colmando una riconosciuta lacuna nei programmi di insegnamento, ha infatti approvato il progetto che prevede che le teorie evolutive siano inserite nel programma didattico scientifico e nei testi scolastici delle scuole medie, e nelle scuole superiori diventino obbligatorie, mentre fino a ieri erano solo facoltative. Gli studenti conosceranno quindi la teoria formulata da Charles Darwin e i successivi sviluppi moderni, temi che saranno parte integrante dei corsi di scienze naturali. La notizia è stata pubblicata il 1 giugno dal quotidiano Haaretz, e il giorno dopo dal[…]

Read more

Siamo pronti al contatto con gli extraterrestri ?

Siamo pronti ad incontrare una forma di vita intelligente extraterrestre ? In base ad uno studio realizzato dal professor Gabriel G. de la Torre, neuropsicologo dell’Università di Cadice, in Spagna, e pubblicato sulla rivista Acta Astonautica, sembrerebbe proprio di no. L’autore della ricerca, è partito dal fatto che il SETI – Search for Extraterrestrial Intelligence, e altri progetti di ricerca, oltre a cercare segnali da altri pianeti, si stanno preparando ad inviarne per comunicare la nostra esistenza e la nostra posizione nello spazio, aumentando quindi decisamente le possibilità, dopo l’invio delle sonde Voyager, che una civiltà aliena possa scoprirci e decidere di[…]

Read more