Il Dragone e il primato della ricerca mondiale

da  L’Osservatore Romano, 31 marzo 2011 Il Dragone e il primato della ricerca mondiale Nel 2013 la Cina supererà gli Stati Uniti nel numero di studi Pechino, 30. La Cina si avvia a superare gli Stati Uniti nel campo della ricerca scientifica. Il sorpasso avverrà entro il 2013, ben sette anni prima del previsto. A fare il calcolo è uno studio della britannica Royal Society, sulla base del numero di studi pubblicati sulle riviste internazionali dai vari Paesi. Dall’analisi emerge che la tradizionale prevalenza di Stati Uniti, Europa e Giappone sta iniziando a cedere di fronte all’avanzata dei Paesi emergenti.[…]

Read more

Sì del Senato francese alla ricerca sull’embrione

da  L’Osservatore Romano 10 aprile 2011 Sì del Senato francese alla ricerca sull’embrione Prosegue l’iter parlamentare della legge sulla bioetica criticata dai vescovi Parigi, 9. Il Senato francese ha adottato ieri, in prima lettura, il progetto di legge sulla bioetica teso a modernizzare la legge del 2004 sulla pratica della biomedicina. In particolare, contro il parere del Governo, ha autorizzato la ricerca regolamentata sull’embrione e sulle cellule staminali embrionali. Il testo è passato grazie alla sinistra, che ha votato compatta il provvedimento, mentre la maggioranza di centro-destra si è divisa, nonostante avesse presentato due emendamenti (entrambi respinti), con i quali[…]

Read more

Ai confini primi e ultimi dell’universo

da  L’Osservatore Romano, 10 aprile 2011 Ai confini primi e ultimi dell’universo La scienza come esperienza religiosa Il centro pastorale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore ha ospitato una due giorni di studio sul tema della creazione. Pubblichiamo alcuni stralci di una delle relazioni. di Piergiorgio Picozza Per lo scienziato, dopo un primo momento in cui domina l’emozione della scoperta arriva il momento della riflessione sul ruolo dell’uomo in questo universo in cui noi ci sentiamo soli o solitari, guidati solo dalla nostra intelligenza. Scriveva il grande fisico Stephen Weinberg: “La terra è solo una piccolissima parte di un universo ostile[…]

Read more

La bugia di Gagarin

da  L’Osservatore Romano, 13 aprile 2011 La bugia di Gagarin “L’Osservatore Romano” e la propaganda sovietica di Giulia Galeotti “L’epoca nostra, certo, è un’epoca di contrasti estremi. Sembra talvolta che tutto si oscuri idealmente o moralmente nel cuore dell’uomo (…). Ed ecco, una nuova conquista scientifica o un balzo della tecnica, ci rilanciano la immagine superiore dell’uomo creatura spirituale, dotato di ragione e di libertà, capace secondo il comando divino, di un sempre più vasto dominio del mondo esteriore: l’uomo nel suo cammino di perfezione “fatto a immagine e somiglianza di Dio”. Il contrasto fra i due volti o i[…]

Read more

Staminali riprogrammate: Per Angelo Vescovi bene la cautela, ma il futuro è questo

Vescovi, ricercatore e direttore scientifico della Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, gli studi tesi a dimostrare i possibili rischi nella sperimentazione sulle IPS, cellule staminali pluripotenti indotte o riprogrammate, non sono una novità, anzi “dicono ciò che già ci sapeva, ossia la differenza con le staminali embrionali ma soprattutto che gli studi necessari per accertarne la totale sicurezza a cui si fa riferimento erano già stati abbondantemente messi in conto da chi ha inventato il metodo”. Non è quindi sorprendente che si verifichino anomalie anche frequenti del Dna, dal momento che è proprio sul Dna che si[…]

Read more

Explaining Religion

Questo il titolo, e sostanzialmente l’obiettivo, del progetto di ricerca interdisciplinare che per tre anni ha coinvolto i ricercatori nel tentativo di capire cosa sia la religione e quali siano le ragioni della sua esistenza. Forse sarebbe poi più corretto parlare anzi di religioni, e gli studiosi hanno infatti hanno cercato di capire perché si differenzino in tali modi in differenti parti del mondo, come nel caso del Cristianesimo, e delle sue varie confessioni, della Religione Ebraica, dell’Islamismo e del Buddhsmo, oppure delle religioni indiane. Ma tra analisi di eventuali spiegazioni del bisogno di religione per finalità sociali, quali ad[…]

Read more

La Ragione buona

da  L’Osservatore Romano, 26-27 aprile 2011 La Ragione buona L’omelia di Benedetto XVI per la veglia di Pasqua di quest’anno, all’inizio del settimo anno di pontificato, è un testo impressionante. Che resterà tra quelli più memorabili – e certo non sono pochi – di un Papa che con la sua parola sta restituendo alla tradizione cristiana forza e comprensibilità in un mondo sommerso da un’infinità di messaggi. Come sempre nelle principali ricorrenze del tempo cristiano, è la liturgia a richiamare con i segni e la Parola l’attenzione di Papa Ratzinger. Così nella veglia pasquale, la luce del fuoco, simbolo dell’inattingibile[…]

Read more

Il giorno della nuova creazione

da  L’Osservatore Romano, 26-27 aprile 2011 Il giorno della nuova creazione Il Pontefice durante la celebrazione della veglia pasquale riafferma che all’origine dell’universo sta la Ragione buona L’uomo non è un prodotto casuale dell’evoluzione, ma alla sua origine sta la Ragione creatrice, divina. Lo ha detto il Papa nell’omelia della veglia pasquale, celebrata sabato santo, 23 aprile, nella basilica Vaticana. Cari fratelli e sorelle! Due grandi segni caratterizzano la celebrazione liturgica della Veglia Pasquale. C’è innanzitutto il fuoco che diventa luce. La luce del cero pasquale, che nella processione attraverso la chiesa avvolta nel buio della notte diventa un’onda di[…]

Read more

Papa Benedetto XVI e la ragionevolezza della creazione: l’uomo, l’universo, e la loro evoluzione, non sono casuali

Il Santo Padre lo ha spiegato nell’omelia per la Veglia pasquale del Sabato Santo; il mondo, nella sua globalità, “è un prodotto della Parola, del Logos” nella sua accezione di ragione, senso, parola. Non è quindi “soltanto ragione, ma Ragione creatrice che parla e che comunica se stessa. È Ragione che è senso e che crea essa stessa senso”. E “il racconto della creazione ci dice, dunque, che il mondo è un prodotto della Ragione creatrice”, e non il frutto di semplici orientamenti casuali o deterministici della materia.

Read more