Scienza e fede: Newsletter SRM N262

Pubblichiamo Newsletter SRM N262, con alcune delle principali e più rilevanti notizie recenti sui temi del rapporto tra scienza e fede. La Newsletter come di consueto è visibile in formato html su queste pagine, oppure potete riceverla in formato pdf, iscrivendovi dal link e form Newsletter, oppure inviandoci una email di richiesta agli indirizzi indicati in questo articolo e sui contatti nelle pagine di questo giornale. Paolo Centofanti, direttore SRM – Science and Religion in Media, direttore Fede e Ragione.   Papa Francesco: medicina al servizio dell’uomo, tra scienza, fede, etica Nella medicina, afferma il Santo Padre, la dimensione spirituale[…]

Read more

Planck: confermato il modello standard della cosmologia

INAF e ASI: La missione Planck dell’ESA conferma “la validità del modello standard della cosmologia” L’Agenzia Spaziale Europea – ASI e l’Istituto Nazionale di Astrofisica – INAF spiegano che il modello standard della cosmologia è stato confermato grazie alla missione Planck. Con quella che definiscono “una precisione senza precedenti”. Il satellite Planck dell’ESA – Agenzia Spaziale Europea è stata lanciato con il satellite Herschel il 14 maggio del 2009, dalla base di Kourou, nella Guiana Francese. Pubblichiamo integralmente la nota ufficiale INAF – ASI. Rimandando ad un nuovo articolo in cui esponiamo la sintesi di questa scoperta, della sua importanza, delle prospettive per[…]

Read more
eso kornmesser

Nature: un pianeta abitabile a soli quattro anni luce dalla Terra ?

Forse forme di vita extraterrestre potrebbero essere più vicine a noi di quanto crediamo. Nel sistema di Proxima Centauri, il più vicino al nostro, si trova infatti un pianeta con caratteristiche molto simili alla Terra. Lo ha annunciato questa settimana la rivista scientifica Nature, descrivendo il corpo celeste come un piccolo pianeta di roccia, con una massa stimata di circa 1,3 volte quella della Terra, e con temperature tali da avere probabilmente sulla sua superficie acqua allo stato liquido. Situato ad una distanza di poco superiore ai 4 anni luce, denominato dagli scienziati Proxima B, dal nome della stella attorno[…]

Read more
biocentrismo robert lanza bob bergman

La morte non esiste: lo dicono la fede e la scienza

La fisica quantistica e la biologia quantistica possono aiutarci a capire questioni a cui le scienze classiche finora non hanno saputo dare risposte concrete o definitive: come ha avuto origine l’universo, come si è sviluppata la vita, e come sulla Terra è apparso l’uomo. Oppure perché il mondo in cui viviamo non solo consente l’esistenza degli esseri umani, ma appare progettato appositamente per loro. O la domanda più importante e angosciante per noi esseri umani: davvero c’è vita dopo la morte, oppure la morte biologica significa la fine di tutto ? Domande a cui ha sempre offerto risposte la religione,[…]

Read more
nasa goddard space flight center flickr

NASA: potenti e misteriose particelle da esplosioni solari

La NASA, l’agenzia spaziale americana, ha individuato emissioni di energia inaspettate, derivanti da eruzioni solari. Ne parla un recente studio scientifico presentato in un articolo sulla rivista Scientific American. Dallo studio emerge che circa due volte al mese sulla superficie del Sole si verificano inspiegabilmente esplosioni caratterizzate da una potenza paragonabile a quella di milioni di bombe all’idrogeno. Esplosioni enormemente potenti, con i livelli energetici più alti mai registrati finora, come ha spiegato C. Alex Young, astrofisico solare del Goddard Spaceflight Center della NASA, tra gli scienziati che hanno realizzato la ricerca. Tali esplosioni producono fasci di particelle che viaggiano[…]

Read more

Stelle, galassie, universo: scuola estiva della Specola Vaticana

Si svolge da domenica 1 a venerdì 27 giugno 2014 il nuovo appuntamento con la Scuola Estiva internazionale che la Specola Vaticana organizza annualmente. Tema scelto per questa quattordicesima edizione, Galassie vicine e lontane, nuove e antiche: si studieranno il cosmo, gli ammassi stellari, le galassie, i processi fisici e chimici che li hanno originati e che ne regolano l’evoluzione e la progressiva espansione; verranno presentati gli strumenti e le metodologie di ricerca più recenti, come ad esempio i telescopi spaziali, i radiotelescopi, e gli attuali modelli di simulazione numerica elaborati tramite computer con capacità di elaborazione sempre più potenti. Dedicata[…]

Read more