Scienza, fede, ragione, informazione. Direttore Paolo Centofanti

Ricerca e innovazione

Nasa: la sonda Osiris Rex è atterrata sulla superficie dell’asteroide Bennu

La sonda Nasa OSIRIS-REx T è arrivata sulla superficie dell’asteroide Bennu e ha raccolto i campioni scientifici.

Le immagini sono state realizzate il 20 ottobre 2020 durante l’evento di raccolta di campioni denominato Touch-And-Go – TAG della missione OSIRIS-REx. Le immagini mostrano il campo visivo della SamCam mentre la sonda si avvicina e atterra sulla superficie dell’asteroide Bennu. L’asteroide si trova ad oltre 200 milioni di miglia – 321 milioni di km – di distanza dal pianeta Terra.

“L’evento di campionamento – spiega la Nasa – ha portato il veicolo spaziale fino al sito di campionamento Nightingale, toccando la superficie ad una distanza di meno di tre piedi – un metro – dal punto previsto”. L’equipe Nasa sulla Terra ha ricevuto la conferma del touchdown alle 18:08 EDT. I dati preliminari mostrano che la testa di campionamento larga un piede (0,3 metri) ha toccato la superficie di Bennu per circa 6 secondi.

Immagine: Credits NASA / Goddard / University of Arizona.

Dal sito web della Nasa. “Il braccio di campionamento della navicella, chiamato Touch-And-Go Sample Acquisition Mechanism (TAGSAM), è visibile nella parte inferiore del frame. La testa tonda all’estremità di TAGSAM è l’unica parte di OSIRIS-REx che è entrata in contatto con la superficie durante l’evento di raccolta del campione. Nel mezzo della sequenza di immagini, la testa di campionamento si posiziona per entrare in contatto frontale con la superficie dell’asteroide. Poco dopo, la testa di campionamento colpisce il sito Nightingale e penetra nella regolite di Bennu. Al primo contatto, la testa del TAGSAM sembra schiacciare alcune delle rocce porose sottostanti. Un secondo dopo, la navicella spara una bombola di gas azoto, che mobilita una notevole quantità di materiale del sito campione. I dati preliminari mostrano che il veicolo spaziale ha trascorso circa 5 dei 6 secondi di contatto per raccogliere il materiale di superficie e la maggior parte della raccolta dei campioni è avvenuta entro i primi 3 secondi.

Il TAGSAM è progettato per catturare il materiale di superficie e il team della missione valuterà la quantità di materiale raccolto attraverso varie attività del veicolo spaziale. Dopo l’atterraggio, la navicella ha avviato i suoi propulsori per allontanarsi da Bennu. Come previsto, questa manovra ha anche disturbato il sito di Nightingale e dei detriti sciolti sono visibili verso la fine della sequenza di immagini. La telemetria preliminare mostra che il veicolo spaziale rimane in buone condizioni. Il veicolo spaziale stava viaggiando a 0,2 mph (10 cm / sec) quando ha contattato il sito campione Nightingale e poi ha indietreggiato a 0,9 mph (40 cm / sec).

Queste immagini sono state acquisite in un periodo di circa cinque minuti. La sequenza di immagini inizia a circa 82 piedi (25 metri) sopra la superficie e attraversa la manovra di arretramento, con l’ultima immagine della sequenza scattata a circa 43 piedi (13 metri) di altitudine – circa 35 secondi dopo la ritirata . La sequenza è stata creata utilizzando 82 immagini SamCam, con 1,25 secondi tra i fotogrammi. Per il contesto, le immagini sono orientate con l’ovest di Bennu in alto”.

Lascia una risposta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: