John Lennox

John Lennox: la fede è parte della mia vita come la scienza

Il matematico John Lennox: “La fede non è un salto nell’ignoto, ma un impegno basato sull’evidenza”. Professore all’università di Oxford, credente, Lennox ha recentemente parlato del proprio rapporto con la fede e con la ricerca scientifica. In un incontro con il filosofo ateo Michael Ruse, Lennox ha spiegato la ragionevolezza della propria fede cristiana. Il confronto con Ruse si è svolto all’Institute of Mechanical Engineers di Londra. “La fede – ha affermato – è parte integrante della mia vita di intellettuale e scienziato”. Una fede per Lennox basata sulla ragione, in modo simile alla scienza. “La mia fede cristiana –[…]

Read more
Dio Creatore

Matematica e metafisica: la scienza, la fede, la filosofia

Una conferenza magistrale a Roma del matematico francese Jacques Vauthier, per capire come sia possibile ridefinire il rapporto tra discipline matematiche e teorie filosofiche, alla luce degli sviluppi del pensiero moderno. Promosso dal Master in Scienza e Fede dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, con il titolo Metaphysics and Mathematics – Metafisica e Matematica, l’incontro si svolgerà martedì 15 marzo 2016 dalle 15.30 alle 17.00 nell’aula magna dell’università, in via degli Aldobrandeschi, 190. Attualmente capo missione all’Università della Corsica, Vauthier è stato professore all’Università di Parigi 6 – Pierre e Marie Curie. All’Università di Parigi ha insegnato matematica e ha tenuto anche corsi di scienze e di[…]

Read more
poster stanley jaki anahuac 2015

Messico: si è parlato di scienza, evoluzione, miracoli, al convegno dedicato a padre Jaki

Pubblichiamo il secondo articolo che descrive brevemente gli argomenti affrontati negli interventi dei relatori al convegno internazionale Il rapporto scienza-fede alla luce del pensiero di Padre Stanley Jaki – La relación ciencia-fe a la luz del pensamiento del P. Stanley L. Jaki, che ha avuto luogo in Messico nel mese di marzo 2015. Le relazioni già indicate nel precedente articolo sono continuate con il professor Pietro Ramellini, visiting professor dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e docente del Master in Community College Mancinelli-Falconi di Velletri. Ramellini nell’incontro La questione della definitività ha parlato del problema della teleologia biologica, considerata soprattutto nella letteratura[…]

Read more

La bellezza della conoscenza “inutile”

Pubblichiamo, cortesia L’Osservatore Romano , articolo di Guy J. Consolmagno, astronomo della Specola Vaticana, il quale spiega le ragioni dell’essere, ieri come oggi, sacerdote e scienziato.Vi spiego perché alcuni gesuiti diventano astronomiLa bellezza della conoscenza “inutile”Come gesuita all’Osservatorio astronomico vaticano vivo in comunità con i miei confratelli astronomi. Il mondo dell’astronomia è un microcosmo che riflette il modo in cui troviamo le motivazioni per svolgere attività che non comportano profitti evidenti, in termini di finanza o di potere. Non c’è alcun vantaggio evidente, ad esempio, nella conoscenza della gamma dei cluster (grappoli) di stelle. Dove dunque noi astronomi troviamo la[…]

Read more
Catholic Herald

Gran Bretagna: scienziati contro il creazionismo nelle scuole

Un nuovo polemico capitolo nel dibattito tra fede e scienza, e tra evoluzione e creazione, sembra essersi aperto nei giorni scorsi nel Regno Unito con un articolo su The Telegraph, che informava sulla dichiarazione del naturalista e divulgatore Sir David Attenborough di volersi unire alla battaglia di una trentina di scienziati e pensatori, tra cui tre premi Nobel e il famoso ateista militante Richard Dawkins, con il convolgimento anche della British Science Association, per convincere il governo britannico ad affrontare e gestire la minaccia educativa e culturale costituita dall’insegnamento nelle scuole del creazionismo.

Read more

Scienziati in Louisiana contro il creazionismo

Nello Stato della Louisiana, negli Stati Uniti, un gruppo di scienziati, tra cui Premi Nobel, si sono dichiaratamente espressi contro l’insegnamento del creazionismo, ammesso da una specifica legge governativa locale; una legge che questi quarantadue ricercatori considerano non accettabile per ragioni scientifiche e culturali, al punto di essersi organizzati per chiederne formalmente l’abolizione, scrivendo anche una lettera ufficiale al Governatore dello Stato. L’obiettivo è di ripetere quanto avvenuto in Pennsylvania, dove la teoria dell’Intelligent Design era stata inizialmente accettata come paragonabile a qualsiasi altra teoria scientifica, divenendo quindi potenzialmente parte dei programmi scolastici dello stato. Un giudizio a Dover aveva[…]

Read more