Scienza, fede, ragione, informazione. Direttore Paolo Centofanti

News 2020, News settembre 2020

Per Jim Bridenstine Venere è una tappa nella ricerca della vita

Così Jim Bridenstine, amministratore della Nasa, commentando la recente scoperta della Royal Astronomical Society sulle tracce di potenziale vita biologica rilevate nell’atmosfera di Venere.

“Oggi – ha affermato Bridenstine – siamo all’apice di scoperte sorprendenti che potrebbero dirci di più sulla possibilità di vita al di fuori della Terra. In effetti, l’astrobiologia, che include la ricerca della vita altrove, è una delle nostre priorità chiave alla NASA.

I rover Spirit e Opportunity hanno permesso alla NASA di scoprire che Marte aveva un oceano enorme, un’atmosfera densa e una magnetosfera che lo proteggeva dalle radiazioni dello spazio profondo. In altre parole, un tempo Marte era potenzialmente abitabile! Il lander Phoenix ha scoperto acqua ghiacciata pura su Marte e il rover Curiosity ha trovato composti organici complessi e cicli di metano su Marte. La probabilità di trovare una vita o una vita passata su un altro mondo continua ad aumentare.

Ora, il rover Perseverance è in rotta verso Marte con la prima missione astrobiologica della NASA. I campioni restituiti da questo viaggio potrebbero determinare in modo definitivo se la vita microbica viveva su Marte. Le prossime missioni come Dragonfly sulla luna di Saturno Titano e Europa Clipper per studiare la luna oceanica di Giove Europa valuteranno ancora una volta le possibilità di vita su altri mondi. I dati della luna di Saturno Encelado e di altri corpi indicano molte scoperte entusiasmanti ancora da fare.

Le capacità di astrofisica dello spazio profondo della NASA vengono utilizzate anche per l’astrobiologia. I nostri telescopi non solo scrutano altre galassie e scoprono esopianeti attorno ad altre stelle, ma valutano anche le atmosfere dei pianeti extrasolari per trovare gli elementi necessari per ospitare la vita e persino cercare le biofirme atmosferiche. Un’intrigante scoperta recentemente rilasciata dalla Royal Astronomical Society sull’atmosfera di Venere potrebbe anche puntare verso le firme biologiche.

Mentre cerchiamo di espandere la nostra conoscenza del nostro sistema solare, vengono prese in considerazione quattro missioni spettacolari per selezionare fino a due missioni Discovery l’anno prossimo. Tra questi ci sono una missione di astrobiologia sulla luna di Nettuno Tritone e una missione geologica sul corpo planetario più vulcanicamente attivo del sistema solare, la luna di Giove Io. Le altre due missioni prese in considerazione hanno proposto missioni a Venere. Una è focalizzata sulla comprensione della sua atmosfera e l’altra è focalizzata sulla comprensione della storia geologica di Venere. Non c’è dubbio che la direzione della missione scientifica della NASA avrà difficoltà a valutare e selezionare tra questi obiettivi e missioni molto convincenti, ma so che il processo sarà equo e imparziale. Gli Stati Uniti stanno anche collaborando con l’Europa per un’altra missione Venus proposta chiamata EnVision che potrebbe essere selezionata per andare al nostro vicino di casa.

Come è normale nella scienza, più impariamo, più domande abbiamo. Questo è il circolo virtuoso della scoperta, inclusa la scoperta di potenziali firme biologiche su altri mondi. Noi della NASA siamo incredibilmente fortunati ad avere così tante opportunità da perseguire e scienziati, ingegneri e partner così talentuosi in grado di perseguirle. Ogni giorno diventa più eccitante per tutti noi e non vedo l’ora per la prossima scoperta !”

Vedi su SRMIndividuate possibili tracce di vita su Venere.

Immagine: l’amministratore della Nasa Jim Bridenstine. Credits NASA / Bill Ingalls.

Lascia una risposta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: