Scienza, fede, ragione, informazione. Direttore Paolo Centofanti

Newsletter maggio 2016

Newsletter SRM n.255

Venerdì 27 maggio 2016

 

 

 

Scienza e fede: nuovo miracolo a Lourdes? Bimba sorda recupera l’udito

La notizia è stata data dall’Unitalsi: mercoledì 11 maggio 2016 una bambina di 6 anni, sofferente di sordità dalla nascita, avrebbe improvvisamente recuperato l’udito, perso conseguentemente alle complicazioni di un parto prematuro e alle terapie urgenti che le avevano causato emorragie cerebrali e danneggiato i canali uditivi in modo apparentemente irreparabile.

Il momento della guarigione è stato descritto da un testimone oculare, Giuseppe Secondi, presidente della sottosezione Unitalsi di Milano sud ovest e direttore del pellegrinaggio.

Link SRM

 

Per l’astronauta Jeffrey Williams non c’è conflitto tra fede e scienza

Uno degli astronauti più attivi e importanti della NASA, in una recente intervista ha sostenuto che religione e ricerca scientifica non sono in disaccordo e che non trova alcuna incoerenza tra l’essere scienziato e vivere il proprio credo, anche quando si fa ricerca spaziale e si lavora per istituzioni scientifiche che, come la NASA, sono spesso viste come positiviste e laiche, se non antitetiche a qualsiasi forma di spiritualità.

Williams ha infatti affermato che molti cristiani lavorano nella NASA come in altre organizzazioni governative o scientifiche e che il lavoro da lui svolto è sempre “stato perfettamente compatibile con le Sacre Scritture” e con la sua fede cristiana. L’astronauta ha anche spiegato di non vedere “un conflitto tra la vera scienza, la scienza autentica, basata sull’integrità, e la Bibbia” e che quando tali conflitti si verificano, non sono veri conflitti tra fede e scienza, ma sono basati su dei preconcetti.

Link SRM

 

Georges Cottier, un teologo tra fede e ragione

Il 31 marzo 2016 è morto a Roma uno dei più noti teologi della Chiesa Cattolica, collaboratore di tre pontefici: Papa Giovanni Paolo II, che nel dicembre 1989 lo aveva nominato teologo della Prefettura della Casa Pontificia; Papa Benedetto XVI che in tale ruolo lo aveva confermato, e Papa Francesco, sotto il cui pontificato si era ritirato nel 2015.

Nel 2011, su SRM (cortesia L’Osservatore Romano), aveva spiegato il pensiero del Papa Emerito Benedetto XVI e il suo lavoro teologico e filosofico per ricomporre la frattura tra fede e ragione: “Nell’opera del cardinale Ratzinger – aveva affermato – ci sono dei temi ricorrenti, uno di questi è il divorzio tra fede e ragione, un tema cruciale della modernità. La fede è stata ridotta a superstizione o sentimento, senza avere più niente a che fare con la verità”.

Link SRM

 

Harold Morowitz: la complessità come ponte tra fede e scienza

Il 22 marzo 2016 negli Stati Uniti è morto uno scienziato che ha avuto un duplice peso sul dialogo tra religione e discipline scientifiche: nel 1983 in Arkansas aveva testimoniato come studioso che il creazionismo non ha basi scientifiche, e come tale non dovrebbe essere insegnato nelle scuole e negli istituti pubblici. Ma più recentemente, nel suo libro La nascita di ogni cosa. Come l’universo è diventato complesso – Dal Big Bang allo spirito dell’uomo in 28 passaggi, aveva invece contribuito in modo del tutto differente al dialogo tra fede e ragione.

Nel volume, pubblicato in Italia nel 2014 da Lindau, il biofisico Harold Joseph Morowitz, uno dei più importanti studiosi della complessità, aveva spiegato come attraverso la scienza si possa cercare “anche le tracce di Dio, di quel Dio non personale postulato da Spinoza, Giordano Bruno ed Einstein, che [..] è possibile riconoscere attraverso lo studio delle leggi della natura”.

Link SRM

 

Il conflitto tra fede e scienza dipende dal nostro cervello?

Almeno questo è quanto sostiene un recente studio realizzato da alcuni ricercatori della Case Western Reserve University e del Babson College. Diretta da Anthony Ian Jack, la ricerca ha visto la collaborazione di Jared Parker Friedman, Richard Eleftherios Boyatzis e Scott Nolan Taylor.

Il loro studio scientifico è stata pubblicato nel mese di marzo sulla rivista scientifica Plos One, in un articolo dal titolo Why Do You Believe in God? Relationships between Religious Belief, Analytic Thinking, Mentalizing and Moral Concern.

Link SRM

 

Libri

 

La vita, tra biologia e fisica quantistica

Una delle ricerche che più colpiscono l’immaginario pubblico è quella indirizzata a manipolare le basi della biologia e della genetica, per cercare di creare la vita dalla materia inerte, artificialmente. Ad oggi nessuno scienziato è stato capace di farlo, e la vita nel nostro tempo può derivare solo da un’altra forma vivente.

Le nuove frontiere della scienza potrebbero però renderlo possibile: la fisica quantistica e la nuova disciplina della biologia quantistica ci stanno spingendo sempre più avanti nella comprensione dei meccanismi alla base della vita e del suo funzionamento. Ne parlano Jim Al-Khalili e Johnjoe McFadden nel loro libro La fisica della vita. La nuova scienza della biologia quantistica.

Link SRM

 

La fisica del futuro, tra Bosone di Higgs e meccanica quantistica

La nascita imperfetta delle cose. La grande corsa alla particella di Dio e la nuova fisica che cambierà il mondo è un libro che ci racconta le nuove frontiere della fisica e i suoi sviluppi, e il modo in cui le sue applicazioni cambieranno le nostre esistenze.

Pubblicato nel febbraio 2016 da Rizzoli Editore, il volume è opera di Guido Tonelli, fisico al CERN di Ginevra, dove lavora ad uno degli esperimenti che hanno portato ad individuare il bosone di Higgs.

Link SRM

 

Capire l’universo attraverso lo spazio e il tempo

Le questioni più importanti e complesse della fisica e dell’astrofisica, esposte nel primo libro divulgativo su questi temi del fisico francese Christophe Galfard. Vincitore in Francia nel 2015 del premio per il miglior libro di scienza, il volume è stato pubblicato in Italia nel 2016 da Bollati Boringhieri Editore, con il titolo L’universo a portata di mano. In viaggio attraverso la fisica dello spazio e del tempo. Ha curato la traduzione Giuliana Oliviero.

Nato a Parigi nel 1976, collaboratore di Stephen Hawking dal 2000 al 2006, Galfard ha ottenuto il dottorato in Fisica teorica alla Cambridge University. Attualmente si occupa di divulgazione scientifica e ha collaborato al libro La grande avventura dell’universo, scritto proprio con Hawking e con la figlia Lucy.

Link SRM

 

Eventi recenti

 

Biotecnologie, agricoltura e questioni sociali

Quali sono le opportunità offerte dalle attuali tecnologie per implementare e perfezionare le produzioni agricole? Quali siano i possibili vantaggi o svantaggi economici e sociali per chi consuma prodotti agricoli e per chi vive di agricoltura e quali sono le possibili implicazioni etiche e bioetiche?

Ne ha parlato l’agronomo Luigi Mariani in una conferenza dal titolo Agricoltura, tecnologie e questione alimentare, organizzata per il Master in Scienze e Fede dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, lo scorso 26 maggio 2016, all’interno del modulo didattico Biotecnologie e questioni bioetiche.

Link SRM

 

Enrico Fermi, una mostra lo celebra a Bologna

Conoscere la vita e il pensiero umano e scientifico di una delle menti più brillanti e conosciute della fisica italiana e mondiale, Premio Nobel nel 1938; capire come si faceva e si sperimentava la scienza nucleare nella prima metà del secolo scorso, dando impulso e sviluppo alla fisica contemporanea e alle sue applicazioni, dalla ricerca per capire il creato, alla produzione di energia, alle tecnologie militari.

Questa l’opportunità offerta fino al 22 maggio 2016 ai visitatori della rassegna interattiva Enrico Fermi – Una duplice genialità tra teorie ed esperimenti, organizzata a Bologna dal Museo Storico della Fisica e Centro Studi e Ricerche Enrico Fermi, con la collaborazione della Società Italiana di Fisica e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, sezione di Bologna.

Link SRM

 

La questione della cosiddetta fecondazione assistita

Un incontro all’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, promosso dal Master in Scienza e Fede, per capire meglio quali siano le tecnologie e procedure dietro le tecniche per la procreazione medicalmente assistita; quali siano le possibili implicazioni dal punto di vista medico, etico e bioetico; quale sia il punto di vista del Magistero della Chiesa Cattolica.

Relatrice della conferenza la dottoressa Giorgia Brambilla, professore aggregato della facoltà di Bioetica dell’Ateneo. L’evento è organizzato nell’ambito del modulo Biotecnologie e questioni bioetiche del Master in Scienza e Fede. L’appuntamento ha avuto luogo lo scorso 24 maggio 2016.

Link SRM

 

Per collaborare ad SRM: link

Contacts SRM:

 

paolocentofanti@pec.giornalistilombardia.it

pcentofanti@gmail.com

info@srmedia.org

0039-3897909009

skype: paolo.centofanti

www.srmedia.info

www.srmedia.org

www.srmediait.blogspot.com

www.srmedia.blogspot.com

Lascia una risposta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: