Nobel per la Chimica a Goodenough, Whittingham e Yoshino “per lo sviluppo di batterie agli ioni di litio”.

Il premio Nobel per la chimica 2019 è stato assegnato dalla Reale Accademia delle Scienze Svedese congiuntamente allo statunitense John B. Goodenough, al britannico M. Stanley Whittingham e al giapponese Akira Yoshino “per lo sviluppo di batterie agli ioni di litio”. Il Nobel è stato annunciato ieri, mercoledì 9 ottobre 2019 dal professor Göran K. Hansson, segretario generale della Royal Swedish Academy of Sciences. Qui il video dell’annuncio, dal sito ufficiale Nobelprize.org. John B. Goodenough è nato nel 1922 a Jena, in Germania. Ho ottenuto il Ph.D. nel 1952 all’Università di Chicago, Illinois, Stati Uniti. Goodenough è Cockrell Chair in[…]

Read more
nobel chimica 2016

Chimica: il Nobel ai progettisti delle macchine molecolari

Gli studiosi premiati sono Bernard Lucas Feringa, dell’università olandese di Groningen, Jean Pierre Sauvage, dell’università di Strasburgo, Francia, e Sir J. Fraser Stoddart, della Northwestern University di Evanston, Illinois, Stati Uniti. La motivazione ufficiale del Premio Nobel 2016 per la Chimica è appunto il lavoro dei tre chimici per “la progettazione e la sintesi delle macchine molecolari”. Come si legge nella nota della Reale Accademia Svedese delle Scienze, Feringa, Groningen e Sauvage, “hanno sviluppato molecole con movimenti controllabili, che possono realizzare una specifica attività o lavoro quando si aggiunge energia”. Con le loro “macchine miniaturizzate” i tre scienziati “hanno portato[…]

Read more
nobel 2016

Fisica: i Premi Nobel 2016

La Reale Accademia delle Scienze Svedese ha annunciato i nomi degli scienziati insigniti quest’anno del prestigioso premio per il loro importante contributo scientifico allo studio della cosiddetta materia esotica, nell’ambito della fisica quantistica. Sono tre fisici britannici, che attualmente insegnano e fanno ricerca negli Stati Uniti: Duncan Haldane è professore all’università di Princeton; Michael Kosterlitz alla Brown University; David Thouless all’università di Washington. La motivazione ufficiale del Nobel 2016 per la fisica, indica le loro “scoperte teoriche relative alle transizioni di fase topologiche”, importanti per capire il comportamento quantistico della materia. Come si legge nella nota ufficiale dell’Accademia, i tre[…]

Read more
nobel prize physics 2015 super kamiokande

A Kajita e McDonald il Nobel per la Fisica 2015

Il fisico giapponese Takaaki Kajita e il suo collega canadese Arthur McDonald sono i due scienziati insigniti congiuntamente del Nobel per la Fisica 2015 dall’Accademia Reale Svedese delle Scienze. La motivazione, è la loro “scoperta delle oscillazioni dei neutrini, che dimostra che i neutrini hanno massa”. Una scoperta che ha una valenza storica e fondamentale nello studio della fisica delle particelle e della materia. Nato il 9 marzo del 1959 a Higashimatsuyama, ricercatore dell’Università di Tokyo, Kashiwa, Kajita lavora all’osservatorio di neutrini Super-Kamiokande, o Super K, situato in una miniera presso la città di Hida, in Giappone. Qui si effettuano studi[…]

Read more
nobel prize 2015 chemistry

Nobel: i premi 2015 per la Chimica

Il Premio Nobel per la Chimica 2015 è stato assegnato congiuntamente dall’Accademia Reale Svedese delle Scienze a Tomas Lindahl, Paul Modrich e Aziz Sancar per i loro “studi sui meccanismi di riparazione del DNA”. A livello molecolare, tali meccanismi, consentono di recuperare i danni a cui è sottoposto ogni giorno il nostro genoma, a causa ad esempio di “radiazioni UV, radicali liberi e altre sostanze cancerogene”, oltre che per una sua intrinseca instabilità. Tomas Lindahl lavora al Francis Crick Institute e al Clare Hall Laboratory, ad Hertfordshire, Gran Bretagna. Paul Modrich svolge la propria attività di ricerca all’Howard Hughes Medical Institute[…]

Read more
diode Nobel Prize 2014

Nobel per la fisica agli scienziati che hanno inventato i led blu

Il Nobel per la Fisica per l’anno 2014 ha premiato la scienza applicata alla tutela dell’ambiente e delle risorse naturali, e all’efficienza energetica. La Reale Accademia Svedese per le Scienze ha infatti assegnato il prestigioso riconoscimento in modo congiunto agli scienziati giapponesi che hanno inventato la tecnologia della luce a led blu: Isamu Akasaki, Hiroshi Amano e Shuji Nakamura. Questa la motivazione ufficiale sul sito dell’organizzazione del Premio: “per l’invenzione di diodi efficienti ad emissione di luce blu, che ha consentito lo sviluppo di fonti di luce bianca luminose e a risparmio energetico”. Una tecnologia che, come spiegano gli organizzatori, “esiste[…]

Read more
Nicolas Gisin

Svizzera: premio Marcel Benoist 2014 al fisico Nicolas Gisin

Sarà conferito al fisico Nicolas Gisin per la sua pionieristica e fondamentale attività di studi sulla meccanica e crittografia quantistica e sulle loro possibili applicazioni pratiche, il Premio Marcel Benoist 2014. Istituito dal Consiglio Federale Svizzero nel 1920 da un lascito di Marcel Benoist, il riconoscimento è considerato il Nobel svizzero per la scienza. Ad oggi dieci dei suoi vincitori hanno successivamente vinto anche il Nobel svedese. Benoist era un avvocato francese, che nel 1914 si trasferì a Losanna, in Svizzera, dove morì nel 1918. Il premio a lui intitolato viene assegnato annualmente dalla fondazione omonima ad uno studioso che[…]

Read more

Nobel per la fisica ad Haroche e Wineland

L’Accademia Svedese delle Scienze ha nominato i vincitori per il 2012 del premio Nobel per la fisica, il francese Serge Haroche e lo statunitense David J. Wineland, insigniti del prestigioso riconoscimento per i loro studi sulle particelle quantistiche e sul comportamento di atomi e fotoni concordemente con la teoria dei quanti. Le loro ricerche, spiega il comunicato stampa dell’Accademia, “hanno aperto una nuova era nelle sperimentazioni di fisica quantistica, dimostrando la possibilità dell’osservazione diretta di singole particelle” e consentiranno in futuro di progettare e realizzare computer capaci di elaborare informazioni a velocità oggi inimmaginabili.Link Nobel Prize

Read more