Scienza e fede: nasce Faith and Reason

Ragione, scienza e fede, e l’esigenza di confrontarsi con il mondo, superando i soli ambiti nazionali. In un nuovo progetto editoriale.

Dallo scorso 21 giugno, in coincidenza con il solstizio d’estate, è nata Faith and Reason, versione inglese della rivista online e del progetto Fede e Ragione. Curata e diretta come di consueto da Paolo Centofanti, direttore SRM, la versione inglese di Fede e Ragione si occuperà tra l’altro di arte, cultura, religione, scienza e tecnologie, ambiente, economia e lavoro, società, sport. E avrà pure una apposita rubrica scienza e fede. In cui saranno pubblicati tra l’altro contenuti scelti e tradotti in inglese di SRM – Science and Religion in Media. In realtà la versione inglese di SRM esisteva già agli inizi del progetto, dal 2006 in poi.

Purtroppo la specificità accademica scientifica e le limitate risorse economiche disponibili non avevano consentito di continuare quella esperienza. Nè di offrire quindi una versione inglese a lettori e agli studenti e docenti interessati al confronto e al dibattito tra scienza e religione. Con Faith and Reason potremo invece farlo, anche per quelle che saranno le specificità del progetto editoriale. Editoriale, e non solo giornalistico, perché Fede e Ragione – Faith and Reason prevede come anticipato pure un canale web, pubblicazioni, e altri sviluppi che preferiamo non anticipare in questa fase.

Per correttezza e proprietà intellettuale, confermiamo – nel caso vi fossero dubbi – le consuete incompatibilità e non connessioni più volte segnalate e visibili nelle pagine SRM e Fede e Ragione – Faith and Reason. Ovvero Sky, Fox, e relativi manager, dipendenti e collaboratori. Facoltà di Bioetica dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum – università che al momento non partecipa nemmeno al progetto Fede e Ragione – Faith and Reason – e relativi dipendenti e collaboratori. Sono inoltre escluse persone legate da vincoli di parentela – soprattutto acquisiti – con l’editore e direttore Paolo Centofanti.

Leave a Reply