Scienza, fede, ragione, informazione. Direttore Paolo Centofanti

Ricerca e innovazione

Il Nobel Kip Thorne in una conferenza ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso

Il Premio Nobel Kip Thorne martedì 15 ottobre 2019 ha tenuto una conferenza su big bang, buchi neri e onde gravitazionali nella sede dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso INFN – LNGS.

Nell’Auditorium del Rettorato del Gran Sasso Science Institute, Thorne è intervenuto sul tema Exploring the warped side of the Universe: from the Big Bang to Black Holes and Gravitational Waves. Esplorando il lato deformato dell’Universo: dal Big Bang ai Black Holes e alle onde gravitazionali. La conferenza si è svolta alla fine di una visita ufficiale di Thorne ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso.

Nato il 1 giugno del 1940 a Logan, Utah, Stati Uniti, Kip Stephen Thorne è uno dei maggiori esperti della teorie della relatività generale, di buchi neri e dei wormholes, i vortici spazio temporali che costituiscono una sorta di scorciatoia tra luoghi molti distanti dell’universo. E che teoricamente sarebbero appunto utilizzabili per compiere salti nel tempo e nello spazio.

Per le proprie competenze scientifiche, Thorn è stato chiamato la collaborare come esperto a sceneggiature cinematografiche di fantascienza, tra cui in particolare il film Interstellar. Fisico teorico, professore di fisica teorica al California Institute of Technology, è specializzato anche in fisica della gravitazione e astrofisica. Gli è stato assegnato il Premio Nobel per la fisica il 3 ottobre 2017, congiuntamente con Barry Barish e Rainer Weiss, per la scoperta delle onde gravitazionali.

La visita ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso.

Nella visita Thorne ai laboratori sotterranei e agli esperimenti è stato accompagnato da Eugenio Coccia, Rettore del GSSI. A riceverlo Alba Formicola, Responsabile Divisione Ricerca, e una rappresentanza di ricercatori dell’INFN – LNGS. “La visita ai Laboratori sotterranei mi ha molto sorpreso – ha affermato Thorne – non mi aspettavo di trovare una così grande varietà di esperimenti, strumenti che studiano dai neutrini solari all’astrofisica nucleare. Questi Laboratori sono i più famosi al mondo e sono stati presi a modello dai più recenti laboratori sotterranei americani e cinesi. Qui, nell’esperimento MACRO, ha lavorato a lungo anche Barry Barish – che con Rainer Weiss ha condiviso con Thorne il Premio Nobel per la fisica 2017 per la scoperta delle onde gravitazionali.

Lascia una risposta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: