Scienza, fede, ragione, informazione. Direttore Paolo Centofanti

Ricerca e innovazione

Nature: studiare l’evoluzione su Dna umano antico dell’Africa occidentale

La rivista scientifica Nature ha pubblicato un nuovo studio scientifico sull’Evoluzione umana.

I ricercatori hanno studiato Dna di antichi umani vissuti  nell’Africa occidentale, e considerati nel contesto globale della storia della popolazione africana. Gli autori – di cui citiamo l’elenco completo dopo l’abstract dell’articolo – hanno pubblicato lo studio su Nature il 22 gennaio scorso, con il titolo Ancient West African foragers in the context of African population history. DOI 10.1038 / s41586-020-1929-1. Come spiega Nature, “l’analisi del Dna umano antico proveniente dall’Africa centrale occidentale offre approfondimenti sulla storia della popolazione africana, inclusa l’origine dei parlanti delle lingue bantu”.

La ricerca è stata definita nel sito archeologico di Shum Laka, nel Camerun occidentale. Un sito dove sono presenti reperti e insediamenti particolarmente importanti del tardo Pleistocene e della preistoria dell’Olocene nell’Africa centrale occidentale. L’area archeologica è situata nella regione di Grassfields, considerata la “patria delle lingue bantu”. Gli scienziati hanno hanno studiato Dna antico di quattro bambini che erano stati sepolti proprio in questo sito archeologico.

Due di loro erano vissuti circa 8000 anni fa, gli altri due circa 3000 anni fa. I ricercatori hanno scoperto che “i loro profili di antenati sono più simili ai raccoglitori – cacciatori contemporanei dell’Africa centrale occidentale”. Una scoperta che “implica che le persone che vivono nel Camerun occidentale e che parlano le lingue bantu in tutto il continente, non discendono da questi individui o dalla popolazione che rappresentano”.

“I genomi – spiega l’articolo Nature – mostrano anche segni di mescolanza, il che implica che gli antenati di questi bambini si sono incrociati con individui di diverse popolazioni. Inoltre, si possono discernere tre radiazioni importanti, di cui una circa 300.000 a 200.000 anni fa, che ha dato origine ad almeno quattro grandi rami che contribuiscono alle popolazioni odierne”.

Lo studio arriva poche settimane prima del Darwin Day 2020, le celebrazioni e le attività accademiche e culturali per ricordare Charles Darwin, padre della teoria dell’evoluzione, nel giorno della sua nascita, avvenuta il 12 febbraio del 1809. Nel 2019 sono stati celebrati i 160 anni dalla pubblicazione del libro di Darwin L’origine delle specie per selezione naturale,. Il volume, pubblicato il 24 novembre del 1859, presentò  e spiegò la sua la teoria dell’evoluzione naturale dei viventi.

L’abstract dell’articolo Nature: Ancient West African foragers in the context of African population history.

La nostra conoscenza dell’antica struttura della popolazione umana nell’Africa sub sahariana, in particolare prima dell’avvento della produzione alimentare, rimane limitata. Qui riportiamo i dati sul DNA a livello del genoma di quattro bambini – due dei quali sono stati sepolti circa 8000 anni fa e due 3000 anni fa – da Shum Laka – Camerun, uno dei primi siti archeologici conosciuti all’interno della probabile patria del gruppo linguistico Bantu . Un individuo portava l’aplogruppo A00 del cromosoma profondamente divergente, che oggi si trova quasi esclusivamente nella stessa regione.

Tuttavia, i profili degli antenati su tutto il genoma di tutti e quattro gli individui sono molto simili a quelli degli attuali raccoglitori – cacciatori dell’Africa centrale occidentale, il che implica che le popolazioni del Camerun occidentale oggi – così come i parlanti delle lingue bantu da tutto il continente – non discendono sostanzialmente dalla popolazione rappresentata da queste quattro persone. Ne deduciamo una filogenesi in tutta l’Africa che presenta una mescolanza diffusa e tre radiazioni prominenti, tra cui una che ha dato origine ad almeno quattro principali lignaggi nel profondo della storia degli umani moderni.

L’elenco completo degli autori dello studio.

Mark Lipson, Isabelle Ribot, Swapan Mallick, Nadin Rohland, Inigo Olalde, Nicole Adamski, Nasreen Broomandkhoshbacht, Ann Marie Lawson, Saioa Lopez, Jonas Oppenheimer, Kristin Stewardson, Raymond Neba ane Asombang, Herve Bocherens, Neil Bradman, Brendan J. Culleton, Els Cornelissen, Isabelle Crevecoeur, Pierre de Maret, Forka Leypey Mathew Fomine, Philippe Lavachery, Christophe Mbida Mindzie, Rosine Orban, Elizabeth Sawchuk, Patrick Semal, Mark G. Thomas, Wim Van Neer, Krishna R. Veeramah, Douglas J. Kennett, Nick Patterson, Garrett Hellenthal, Carles Lalueza Fox, Scott MacEachern, Mary E. Prendergast e David Reich. Link Nature.

Lascia una risposta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: